Torna Cibo Nostrum, sesta edizione

Torna Cibo Nostrum, sesta edizione

Print Friendly, PDF & Email

A Taormina e Zafferana Etnea dal 11 al 13 giugno appuntamento con la “Grande festa della cucina italiana organizzata dalla Fic. Tre giorni di cooking show, incontri tematici, workshop e degustazioni. Conferenza stampa di presentazione martedì 6 giugno ore 10,30 a Taormina.
Torna anche quest’anno la “Grande festa della cucina italiana”, come la stampa di settore ha definito questo appassionante ed emozionante appuntamento con la tradizione culinaria del nostro Paese nel contesto euro-mediterraneo. Sarà presentata alla stampa martedì prossimo, 6 giugno, alle ore 10,30, nei locali dell’Archivio Storico della Città di Taormina, la 6° edizione di Cibo Nostrum.

Da domenica 11 a martedì 13 giugno due degli angoli più suggestivi dell’Isola più grande del Mediterraneo, l’Etna appunto ed il balcone fiorito taorminese, si trasformeranno nello scenario meraviglioso di questo appuntamento; tre giorni intensi di cooking show, incontri tematici, approfondimenti del settore agroalimentare, di riscoperta e valorizzazione del territorio e soprattutto di festa della tavola italiana, come spiegano gli organizzatori della Federazione Italiana Cuochi, lo Chef zafferanese Seby Sorbello e il taorminese Pietro D’Agostino, mentre il presidente nazionale Fic Rocco Pozzulo ha inserito di diritto l’evento nel calendario nazionale della Federazione.

 

Quello Fic è un vero e proprio gioco di squadra, che vede impegnati centinaia di Cuochi, per la sua buona riuscita. Accanto alla Federazione, infatti, con tutti i suoi Dipartimenti e Compartimenti, c’è anche l’Unione Regionale Cuochi Siciliani, con il presidente Domenico Privitera e le nove Associazioni provinciali dell’Isola, tra cui in prima linea l’Associazione Provinciale Cuochi Messina con la presidente Rosaria Fiorentino, nel cui territorio rientra Taormina.

 

Oltre al patrocinio dei Comuni di Zafferana Etnea e di Taormina, l’evento gode del supporto di numerosi partners e collaboratori. Significativa, inoltre, la presenza del Dse, Dipartimento Solidarietà Emergenze della Federazione Italiana Cuochi, con il coordinatore nazionale Roberto Rosati e centinaia di Cuochi che in questi mesi sono stati e continuano ad essere impegnati sui luoghi colpiti dal terremoto nel Centro Italia. Accanto al responsabile nazionale Dse, anche il responsabile regionale per la Sicilia, Vincenzo Mannino. Importante anche quest’anno il supporto degli Istituti Alberghieri del territorio, presenti con l’Istituto “Salvatore Pugliatti” di Taormina, Istituto “Antonello da Messina” di Messina, Istituto “Renato Guttuso” di Milazzo, Istituto “Giovanni Falcone” di Giarre e una delegazione della Amira (Associazione maitre) guidata da Alfio Cantarella.

 

Del resto, i numeri della passata edizione danno ragione ai Cuochi Fic, se si considera che sono stati oltre 120 gli Chef protagonisti provenienti dalle varie regioni d’Italia, tra Stellati Michelin, professionisti e docenti degli Istituti Alberghieri, che anche quest’anno daranno il proprio supporto all’evento, con un record già registrato: i Cuochi di quest’anno infatti sono già arrivati a quota 150.

 

A godere di questo grande spettacolo nel 2016 sono stati i palati di 15 mila visitatori (nella sola giornata taorminese!), con 32 mila porzioni preparate nei cooking show e proposte nelle degustazioni lungo il Corso Umberto di Taormina, cui si sono aggiunti 8 laboratori dedicati al pesce azzurro, in collaborazione con il ministero delle Politiche Agricole, che anche per l’edizione 2017 ha confermato il proprio patrocinio nazionale. Su www.cibonostrum.eu il programma della manifestazione.

About The Author

Related posts