Vini e Ristorazione

Il superstellato Alfio Ghezzi sparito dalla Guida 2022: un giallo

Il superstellato Alfio Ghezzi sparito dalla Guida 2022: un giallo

Il superstellato Alfio Ghezzi sparito dalla Guida 2022: un giallo.

Non figura tra i premiati dell’edizione 2022 del volume “Venezie a Tavola”. Al trentino Giuliano Baldessari (Ristorante Aqua Crua di Barbarano vicentino) l’Oscar per la Ricerca e l’Innovazione.

Sorpresa, per non dire sconcerto, ha suscitato nel mondo della ristorazione ed in particolare tra i buongustai del Trentino Alto Adige l’assenza nella guida 2022 “Venezie a Tavola”.
Da qualche giorno è nelle edicole e nelle librerie, del super stellato Alfio Ghezzi, nume tutelare del ristorante simbolo di Rovereto, il Bistrot Senso al Mart.
Un’icona così come lo sono il ristorante del Guggenheim Museum a Bilbao, il MoMa di New York, il Mudec di Milano.

Il superstellato Alfio Ghezzi sparito dalla Guida 2022: un giallo

 

Il ristorante del Museo d’arte moderna e contemporanea di Rovereto non figura, infatti, nell’elenco dei tredici ristoranti del Trentino premiati dalla guida edita da Post Editori e curata dall’enogastronomo Luigi Costa.

Li citiamo: sono il ristorante stellato di Arco PB (Peter Brunel). Gli stellati della Val di Fiemme e Fassa (El Molin di Alessandro Gilmozzi, Cavalese.
Malga Panna di Paolo Donei, Moena. ‘L Chimpl di Stefano Ghetta, Sèn Jan di Fassa). Il Rifugio Fuciade di Martino Rossi, Soraga, Passo San Pellegrino. Gli stellati di Madonna di Campiglio (Il Gallo Cedrone, chef Sabino Fortunato e La Stube Hermitage, chef Giovanni D’Alitta). L’Orso Grigio, chef Cristian Bertol, di Ronzone.
La Filanda di Jessica Bon (Denno). La Locanda Margon, chef Edoardo Fumagalli (Ravina di Trento). Le Due Spade (Trento) e le due new entry: la “Cà dei Volti” di Cembra (chef Guglielmo Baron) e il ristorante “Grual” Lefay Resort di Pinzolo, executive chef Matteo Maenza.

Alfio Ghezzi, lo chef trentino accreditato di due stelle Michelin conquistate alla Locanda Margon.
Alfio Ghezzi, lo chef trentino accreditato di due stelle Michelin conquistate alla Locanda Margon.

Rispetto all’edizione 2021 non figurano in guida “Le Tre Colombe” di Fornace, il “Bosco dei Pini Neri” di Trambileno e il Ristorante di Alfio Ghezzi al Mart di Rovereto.

Per i primi due nessun giallo: evidentemente gli ispettori della guida hanno espresso una loro legittima valutazione. Per l’assenza del ristorante icona del Mart, invece, abbiamo interpellato l’enogastronomo Luigi Costa, responsabile della guida che oltre ai 225 ristoranti delle Tre Venezie. Recensisce 50 pizzerie (in Trentino premiata la Pizzeria Da Albert), 16 vini e 15 prodotti tipici del territorio (Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia). 

Il superstellato Alfio Ghezzi sparito dalla Guida 2022: un giallo

 

Stupore e incredulità la prima reazione.

“Ma come è possibile?

Che diavolo è successo?

Interpellerò l’editore” ci ha risposto.

L’inghippo di questo giallo in chiave enogastronomica è stato successivamente chiarito non senza imbarazzo dall’editore che ha ammesso l’errore di impaginazione. Nelle 322 pagine si erano “volatilizzate” nell’etere due facciate: quella relativa al ristorante trentino di Alfio Ghezzi e quella relativa ad un ristorante di Vicenza. “Rimedieremo nell’edizione on line” ci ha assicurato Luigi Costa che si è scusato con i lettori e con lo stesso Alfio Ghezzi.

 

Il superstellato Alfio Ghezzi sparito dalla Guida 2022: un giallo

 

Tornando alla Guida 2022 il Trentino, nel raffronto con l’Alto Adige, esce maluccio anche quest’anno. 26 i ristoranti altoatesini (stellati e non) premiati contro i 13 del Trentino (l’anno scorso erano 14 e con il prestigioso Oscar di Ristorante dell’Anno assegnato ad Alessandro Gilmozzi, chef patron del “Molin” di Cavalese).

lo stellato trentino Giuliano Baldessari, chef del Ristorante "Aqua Crua" di Barbarano Vicentino.
lo stellato trentino Giuliano Baldessari, chef del Ristorante “Aqua Crua” di Barbarano Vicentino.

Il Trentino si consola con il riconoscimento assegnato allo chef valsuganotto Giuliano Baldessari, originario di Roncegno Terme, e responsabile delle cucine del ristorante stellato “Aqua Crua” di Barbarano Vicentino. Premiato con l’Oscar 2022 per la Ricerca e l’Innovazione. Giuliano Baldessari vanta un curriculum da far invidia ai grandi chef dell”haute cuisine”: basti citare l’esperienza maturata in Francia ai fornelli del leggendario Marc Veyrat (il re delle erbe spontanee) e i dieci anni alle “Calandre” di Padova come sous chef del tristellato Massimiliano Alajmo.

lo chef stellato Matteo Grandi (Vicenza). Il "Matteo Grandi in Basilica"  è stato premiato come ristorante dell'anno.
lo chef stellato Matteo Grandi (Vicenza). Il “Matteo Grandi in Basilica” 
è stato premiato come ristorante dell’anno.

Come ristorante dell’anno l’edizione 2022 della guida “Venezie a Tavola” ha premiato Matteo Grandi, chef stellato del ristorante vicentino “Matteo Grandi in Basilica” in Piazza dei Signori a Vicenza.


Come giovane promessa Giacomo Sacchetto dell’Osteria “La Cru” di Villa Balis Crema di Romagnano (Verona). Per la cucina che onora il territorio premiato, invece, Stefano De Lorenzi della Trattoria Moderna “Due Mori” di Asolo (Treviso) e per la sostenibilità lo chef friulano Stefano Basello del Ristorante “Al Fogolar” 1905 di Udine. Come sommelier delle Venezie, infine, incoronato Egon Perathoner del Ristorante “Anna Stuben” di Ortisei (Bolzano). Chapeau.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button