Stile e Società

Il più ricco al mondo è Arnault

Il più ricco al mondo è Arnault

Il più ricco al mondo è Arnault

L’imprenditore francese guida il colosso Lvmh: Dom Pérignon, Ruinart, Moët & Chandon, Veuve

Elon Musk, il patron di Tesla e Twitter (141 miliardi di dollari)

Clicquot, Château d’Yquem, Hennessy. Nel campo della moda e del lusso: Fendi, Loro Piana, Luis Vuitton. E nella gioielleria: Bulgari, Zenit e Tiffany.

Il sorpasso era nell’aria dopo le disavventure di Elon Musk con i recenti investimenti fallimentari in Tesla e Twitter. 

Non è più l’imprenditore sudafricano con cittadinanza canadese naturalizzato statunitense l’uomo più ricco del mondo, bensì un produttore di vino francese: monsieur Bernard Arnault.

 Guida il colosso del lusso Lvmh che negli ultimi mesi ha conseguito risultati straordinari con il vino, ma non solo. 

Egli controlla, infatti, i due terzi del mercato della moda e del lusso a livello globale.

Nato a Roubaix nel 1949, due mogli, cinque figli, Bernard Arnault, amante e collezionista d’arte, recentemente ha acquistato a Milano la Casa degli Atellani assieme alla Vigna di Leonardo. 

In Francia si contende il ruolo di mecenate più illuminato del Paese con Francois Pinault, uno dei più grandi collezionisti di arte contemporanea del mondo, proprietario di numerosi musei e a Venezia di Palazzo Grassi, sul Canal Grande.

Monsieur Bernard Arnault guida il colosso del lusso Lvmh

Ecco come la rivista statunitense di economia “Forbes” descrive monsieur Bernard Arnault. 

Moët & Chandon, una delle tante maison di Bernard Arnault

“L’imprenditore francese è alla guida del colosso del lusso Lvmh che controlla 26 top brand del mondo del vino. 

Per citare i marchi più importanti: Château d’Yquem, Dom Pérignon, Ruinart, Moët & Chandon, Veuve Clicquot, Château Cheval Blanc, Krug, Mercier, Clos Des Lambrays, Cloudy Bay, Newton Vineyard, Bodega Numanthia, Terrazas De Los Andes, Ao Yun, Cheval Des Andes e Cape Mentelle e il 50% di Armand de Brignac. 

Controlla i più importanti brand dei liquori e dei distillati: Hennessy, Ardbeg, Glenmorangie, Belvedere, Woodinville e Volcan de mi Tierra per un giro d’affari della divisione di 5,7 miliardi di euro nel 2021 sui 64,2 miliardi di euro dell’intero gruppo.

 Controlla, inoltre, alcuni grandi marchi dell’alta moda come Fendi, Loro Piana, Luis Vuitton e della gioielleria: Bulgari, Zenit e Tiffany.

Arnault guida la classifica con 187 miliardi di dollari. Secondo Elon Musk

Bernard Arnault guida la classifica dei miliardari del pianeta con un patrimonio stimato di 187 miliardi di dollari, in crescita del 4,2% rispetto al 2021.

 Con questo patrimonio scalza Elon Musk che deve “accontentarsi” del secondo posto con 141 miliardi di dollari. 

Al terzo posto della classifica dei più ricchi del mondo troviamo l’imprenditore indiano Gautam Adani alla guida del colosso Adani Group che opera nel settore delle infrastrutture e dell’energia.

Tra gli italiani il più ricco è Giovanni Ferrero “mister Nutella” (35 miliardi)

Il piemontese Giovanni Ferrero mister Nutella (35 miliardi di dollari)

Tra gli italiani, il più ricco (n. 31 al mondo) si conferma Giovanni Ferrero, “mister” Nutella, alla guida della celeberrima industria dolciaria di Alba, con 35 miliardi di dollari. 

Al secondo posto troviamo Giorgio Armani con un patrimonio di 6,9 miliardi di dollari e al terzo Silvio Berlusconi (6,4). 

Entrambi hanno scavalcato Massimiliana Landini Aleotti (5,1 miliardi), proprietaria dell’azienda farmaceutica Menarini, che resta comunque la prima donna in classifica.

Al quinto posto troviamo Piero Ferrari, il figlio del fondatore della casa automobilistica di Maranello più famosa del mondo. 

Segue la coppia formata da Patrizio Bertelli e Miuccia Prada, entrambi amministratori delegati di Prada ed entrambi con un patrimonio di 4,5 miliardi. 

Completano il quadro delle prime dieci posizioni Giuseppe De’ Longhi (4 miliardi), Luca Garavoglia della Campari (4 miliardi) e i fratelli Augusto e Giorgio Perfetti del gigante dei dolci e delle gomme Perfetti Van Melle (3,9 miliardi).


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button