Stile e Società

I Mondiali del vino si giocano a Bruxelles

Dal 2 al 4 maggio ritorna nella capitale europea che lo ha partorito, il “Concours Mondial de Bruxelles”, la più grande kermesse del settore enologico che dal 1994 mette in competizione i produttori di vino in una gara senza esclusioni di colpi. Quest’anno compie venti anni.

Il Concorso Mondiale di Bruxelles festeggia i suoi 20 anni di vita e lo fa ritornando a Bruxelles, luogo da dove era partito nel 1994. Questo appuntamento conferisce a Bruxelles lo status di capitale mondiale del vino e il Belgio può essere fiero di organizzare quest’incontro unico nel suo genere, conosciuto e riconosciuto dai professionisti e i consumatori di vino del mondo intero.

 

8060 vini provenienti da 58 paesi produttori si affronteranno dal 2 al 4 maggio prossimi nella capitale europea. La Francia resta il primo paese partecipante con 2428 vini presentati, seguita dalla Spagna (1615 vini in competizione), dall’Italia (1153), dal Portogallo (965) e dal Cile che resta il paese più rappresentato dell’emisfero sud (365 vini in competizione).

 

Il Concorso Mondiale di Bruxelles nato nel 1994, ha esteso la sua presenza a livello internazionale dal 2006, anno in cui ha deciso di abbandonare i confini del Belgio per rendere omaggio ad altri Paesi europei. Grazie alla perfetta organizzazione e alla dimensione mondiale, l’autorevolezza del Concorso è cresciuta di anno in anno. 

 

“Questo 20º anniversario qui a Bruxelles simboleggia un ritorno alle origini. E’ una cosa meravigliosa – ha dichiarato  Baudouin Havaux, presidente del Concours Mondial de Bruxelles – il Belgio ha talmente tanto da mostrare. Credo che siamo tutti estremamente soddisfatti di rivivere in questo modo i primi passi di un concorso che è divenuto, durante gli anni, un circolo di amici, un circolo che accoglie quasi 350 membri! Il vino riunisce i popoli intorno ad una bottiglia e crea legami di amicizia istantanei”.

 

E’ difficile sapere cosa aspettarsi ogni anno al Concours Mondial de Bruxelles, nessuna edizione assomiglia alla precedente. Aprire più di 8 mila bottiglie, provenienti da tutto il mondo, in 3 giorni, davanti a 310 degustatori internazionali è un evento unico nel suo genere. Si tratta di un vero e proprio barometro che misura la salute del settore e che traccia istantaneamente il profilo del mondo vitivinicolo internazionale, oltre che a individuare le diverse tendenze e a confermare i cambiamenti.

 

Il Concours Mondial de Bruxelles sceglie con rigore degustatori reputati e riconosciuti per la loro competenza. L’organizzazione assicura loro condizioni di degustazione ottimali e investe senza contare nel controllo a posteriori dei campioni premiati. Ulteriori analisi, quindi, sono realizzate regolarmente  sui vini che esibiscono il prezioso contrassegno del Concours Mondial de Bruxelles. I controlli sono organizzati per garantire ai consumatori una perfetta soddisfazione grazie ai vini con marchio di garanzia “Concours Mondial”. Lunedì 12 maggio 2014 saranno pubblicati i risultati.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Guarda anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio