Notizie Italiane

Comune di Bagnacavallo RA

Si terrà nella mattinata di sabato 14 settembre presso la Sala Oriani del convento di San Francesco a Bagnacavallo il primo convegno nazionale Alla ricerca dell’acino verde, un appuntamento dedicato ai vitigni autoctoni della pianura ravennate e in particolare al vino Bursôn.

È infatti legata a quest’uva la curiosità che dà il titolo all’appuntamento: un acino verde per ogni grappolo fa da spia e informa che l’uva Bursôn ha raggiunto la giusta maturazione ed è pronta per essere raccolta.

L’iniziativa è organizzata dal Comune di Bagnacavallo e dal Consorzio Il Bagnacavallo in collaborazione con il Giornale online d’informazione enogastronomica www.oliovinopeperoncino.it  e con il patrocinio di Provincia di Ravenna e Regione Emilia Romagna.

L’apertura del convegno, in programma alle 9, sarà affidata al saluto delle autorità. Per il Comune di Bagnacavallo sarà presente il vicesindaco Matteo Giacomoni. Si entrerà poi subito nel vivo con quattro interventi di importanti esperti del mondo vitivinicolo.

 Mario Fregoni, ordinario di Viticoltura dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, farà un quadro su I vitigni autoctoni in Italia. L’enologa Marisa Fontana si focalizzerà poi su Il vitigno autoctono Uva Longanesi, mentre l’enologo Sergio Ragazzini, responsabile tecnico del Consorzio, racconterà l’esperienza del Consorzio Il Bagnacavallo per la valorizzazione del vino Bursôn. Alessandro Scorsone, maestro sommelier e cerimoniere di Palazzo Chigi, concluderà gli interventi parlando di Piacevolezza ed emozioni del vino Bursôn a tavola. Alle 11.15 il dibattito fra i partecipanti sarà moderato dal giornalista Giuseppe Sangiorgi.

Si brinderà alla conclusione del convegno con il Tiberiacum, spumante del Consorzio Il Bagnacavallo. Sarà inoltre possibile incontrare i produttori membri del Consorzio e confrontarsi con loro.

Il vino Bursôn è legato a doppio filo al territorio di Bagnacavallo e alla pianura romagnola limitrofa. Dal 1997, anno di fondazione del Consorzio Il Bagnacavallo per la valorizzazione dei prodotti tipici del territorio e del vino in particolare, il Bursôn è diventato un punto di riferimento per l’economia e la cultura del territorio.

L’impegno  di Comune e Consorzio ha dato vita all’appuntamento Maggio a Bagnacavallo. Alla corte di Bacco, che ogni anno propone una serie di iniziative finalizzate alla conoscenza e alla diffusione del Bursôn, con le cene a tema della tradizionale Disfida, l’allestimento di osterie La piazza in tavola e, da quest’anno, il concorso giornalistico nazionale per lavori su argomenti legati alla diffusione del vino ottenuto da vitigni autoctoni.

«La storia del vino Bursôn – come riporta il sito del Consorzio Il Bagnacavallo – nasce da una felice intuizione di Antonio Longanesi, soprannominato Bursôn, il quale era solito trascorrere le giornate invernali in un capanno da caccia situato nei pressi di un roccolo, una quercia in cui si arrampicava una vite selvatica. Questa vite sconosciuta lo incuriosì per la dolcezza e la capacità di rimanere sana fino a tardo autunno.
A metà degli anni Cinquanta la famiglia Longanesi passò alla viticoltura moderna moltiplicando questa vite selvatica e garantendone la sopravvivenza. Con grande stupore scoprì che essa era in grado di dare un vino da 14 gradi, un risultato impensabile da raggiungere con l’uva della pianura romagnola.

Da quel momento Antonio iniziò a far girare il vino per il paese e fin da subito diffuse questa vite ai suoi compaesani. Questa vite e il suo vino sono così legate in modo indissolubile al territorio di Bagnacavallo e alla pianura romagnola limitrofa.
Il vino, dal 1999 valorizzato dal Consorzio Il Bagnacavallo, è oggi prodotto nelle varianti Etichetta Blu ed Etichetta Nera e regolamentato con un preciso disciplinare. Nel 2000 l’uva Longanesi viene iscritta al registro delle varietà dopo le analisi svolte presso l’istituto di San Michele all’Adige.»

La partecipazione al convegno è gratuita e aperta a tutti, con particolare riferimento ai giornalisti del settore enogastronomico. Le procedure di registrazione inizieranno alle 8.15 della mattina del convegno, ma per ragioni organizzative è gradito l’accredito preventivo entro venerdì 13 settembre al seguente indirizzo mail: cristoforif@comune.bagnacavallo.ra.it

La Sala Oriani del convento di San Francesco è in via Cadorna 14 a Bagnacavallo.

Informazioni:
0545 280817
cristoforif@comune.bagnacavallo.ra.it
www.comune.bagnacavallo.ra.it
www.consorzioilbagnacavallo.it
www.oliovinopeperoncino.it

    
(362-13)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button