Tribuna

E Amazon che fa? Manda la pubblicità? O manda a casa i dipendenti?

E Amazon che fa? Manda la pubblicità? O manda a casa i dipendenti?

E Amazon che fa? Manda la pubblicità? O manda a casa i dipendenti?

Il 18 gennaio sarà una brutta giornata per molte persone.

 Il colosso telematico Amazon ridurrà del 6 % la sua forza lavoro e licenzierà in tutto il mondo quasi ventimila dipendenti. 

In Italia sono 28 le sedi che gestisce e ha approntato quattro grandi centri distributivi. 

Si parla di seimila licenziamenti e conseguentemente tante persone che resteranno senza lavoro. 

Polo logistico Castelguglielmo – Amazon
Castelguglielmo (RO)
Costruzione di piattaforma logistica per Amazon, costituita da magazzino multipiano di 189.000 mq distribuiti su quattro livelli di cui 137.000 mq utilizzati per stoccaggio robotizzato e 5.500 mq adibiti a uffici

Questo terremoto è dovuto alla crisi delle vendite on line che si sta concretizzando in questi primi giorni del nuovo anno. 

Amazon sembrava fortissimo e indistruttibile ma si è rivelato debole come il Colosso di Rodi. 

L’inflazione che nel nostro paese non scende al contrario di altre nazioni e le ridicole misure adottate dal nuovo pallido esecutivo di destra non favoriscono affatto una controtendenza. 

E di certo non aiuta l’economia e il bilancio delle imprese e delle famiglie il mancato rinnovo del taglio per le accise che gravano sui carburanti. 

La grande espansione delle vendite telematiche è avvenuta in coincidenza con la pandemia. 

Le persone nella quasi totalità dovevano restare a casa e quindi gioco forza per far passare il tempo smanettavano con personal computers, smartphones, tablet e video di ogni sorta. 

Le aziende che avevano una ridotta attività telematica o addirittura non avevano un sito di commercio elettronico si sono attrezzate. 

Per molte cantine questa novità ha rappresentato un ulteriore sviluppo del loro giro d’affari. 

Le visite e le vendite in cantina e la partecipazione a fiere ed eventi non sono più sufficienti assieme ai canali tradizionali di vendita a sostenere l’economia delle tante aziende agricole e vitivinicole italiane. 

Personalmente non ho mai comprato e non comprerò nulla nelle piattaforme telematiche. 

Sarò atipico e un dinosauro ma è la mia scelta. 

Preferisco vedere e toccare o assaggiare i prodotti e gli alimenti da acquistare. 

Comprendo che sia molto comodo e a volte più veloce fare acquisti on line. 

Altri colossi degli acquisti o della distribuzione telematica avevano già ridotto o chiuso sedi e purtroppo licenziato migliaia di dipendenti. 

Domino’s Pizza e Gorillas sono esempi recenti di parziali e tristi fallimenti di imprese che operano nel settore del commercio elettronico. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button