Rubriche

Vino e piatti gourmet oggi si ordinano online

Non solo pizza o panini a domicilio. Il food delivery fa sempre più rima con cucina gourmet e piatti dal sapore molto raffinato. Anche nelle maggiori città d’Italia tanti ristoranti di alto livello stanno sperimentando uno speciale servizio di consegna a domicilio di piatti pronti e semi-pronti, così da soddisfare il palato più sopraffino di quanti, al posto di recarsi fisicamente nelle sale dei ristoranti, preferiscono godersi a casa propria i piatti di eccellenza della cucina italiana.

Con la diffusione dei servizi online di ordinazione e consegna di pasti e bevande, anche il mondo dell’alta cucina e il settore vitivinicolo hanno dovuto, giocoforza, mettersi al passo con i tempi e provare ad allinearsi con le nuove tendenze. Se in grandi città europee come Berlino, Parigi o Londra la maggior parte dei ristoranti stellati ha messo in atto un proprio servizio di consegna a domicilio speciale, in Italia sono ancora poche le attività ristorative di un certo livello che stanno sperimentando questo nuovo approccio con la clientela. Ma la strada è ormai tracciata.

D’altra parte, oggi la parola delivery non è più solo sinonimo di consegna di cibo a domicilio. Amazon, ad esempio, ha radicalmente cambiato il modo di fare acquisti sulla rete, senza dimenticare che esitono app come ProntoPro capaci di individuare il professionista più vicino per le esigenze quotidiane domestiche, o quella di Betway, che permette di vivere le emozioni del casino live comodamente seduti sul divano di casa.

facendo strada la consegna a domicilio d’autore. E a cimentarsi in questa nuova frontiera dell’alta cucina sono stati alcuni dei più importanti chef dello stivale. Come Antonia Klugmann, già nota per aver preso parte in qualità di giudice a svariate edizioni del fortunato programma televisivo Masterchef Italia, che con il suo “Antonia a casa” è riuscita a portare nelle case dei cittadini delle province del Friuli Venezia Giulia un piccolo pezzo de L’Argine a Vencò del Collio, il ristorante stellato dove è di casa la famosa chef. L’esperimento della brigata della Klugmann è consistito nella preparazione dei più famosi piatti del ristorante che ha sede in provincia di Gorizia, con ingredienti predosati ed un kit utile al completamento e alla cottura dei piatti nella cucina di casa. Insomma, in questo modo, tutti possono diventare chef stellati, anche per una sola sera.

A sperimentare un’analoga esperienza culinaria è stato anche Carlo Cracco, volto noto della tv e chef stellato dell’omonimo ristorante milanese. La sua famosa pizza (che tanto ha fatto discutere in passato non tanto per la bontà degli ingredienti ma per il costo), ad esempio, rientra in uno dei menù consegnabili a casa, insieme a tante altre pietanze (dagli antipasti ai dolci) preparati dallo chef stellato.

Nella lista dei big della cucina italiana impegnati nel food delivery di qualità non poteva mancare Massimo Bottura, probabilmente il più famoso degli chef italiani al momento. Bottura è, come noto, il patron dell’Osteria Francescana, il rinomato ristorante tre stelle Michelin, premiato come primo ristorante al mondo nel 2016 e 2018 dalla rivista The World’s 50 Best Restaurants. Con la brigata della Franceschetta 58 (la sorella minore dell’Osteria a Modena), Bottura ha messo a punto un vero e proprio kit fai-da-te di semplice utilizzo e comprensione, che permetterà di avere a casa propria tutti gli ingredienti (e, ovviamente, le relative istruzioni) per cucinare sui propri fornelli le prelibatezze di un rinomato ristorante stellato. Non solo. Video esplicativi e tutorial online sono stati riservati a quanti acquisteranno questo servizio. Insomma, anche se a livello virtuale, è come avere nella cucina di casa lo chef numero uno al mondo.

Infine, accanto a questa iniziativa, le più note case vitivinicole italiane si sono organizzate per spedire direttamente a domicilio alcuni dei vini più pregiati prodotti nel nostro Paese, così da completare quel connubio unico che lega il mondo dell’alta cucina italiana alle uve d’autore.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button