EgNewsVini e Ristorazione

Le grappe delle festività

Alla vigilia della grande kermesse delle feste natalizie, qualche utile consiglio per scegliere il distillato di bandiera da mettere sotto l’albero.
E’ tempo di regali e la fantasia degli italiani in questo periodo è messa a dura prova per riuscire a fare la scelta giusta, in funzione del destinatario del dono. Regalare una grappa è senz’altro una buona idea, ma occorre fare attenzione nella scelta, per evitare che venga abbandonata fra le tante bottiglie inutilizzate.

 

Per chi non è un intenditore ma ogni tanto non disdegna qualche bicchiere, consiglio di scegliere fra le grappe giovani aromatiche, vellutate e gentili per stimolare la voglia di bere. Può andare bene la Grappa di Pinot Nero Il Montù, che nasce nella Cantina storica di Montù Beccaria in provincia di Pavia (18/20 euro); la Grappa di Muscatel Mazzetti d’Altavilla, storica distilleria piemontese di Altavilla Monferrato, in provincia di Alessandria (22/24 euro); o, ancora, la Grappa di Amarone Schiavo, distilleria che produce grappe dal lontano 1887 a Costabissara, in provincia di Vicenza (22/24 euro).

 

Poi, ci sono gli appassionati, quelli che amano il distillato di bandiera e sono alla ricerca di nuove grappe da provare. Per questi, consiglio una normale grappa bianca di buona qualità come la Grappa di Torcolato Capovilla, prodotta da Vittorio Capovilla (Gianni per gli amici), a Rosà, in provincia di Vicenza, vicino a Bassano (34/36 euro); la Grappa Storica Nera Domenis a Cividale del Friuli (25/27 euro); o la Grappa di Cerasuolo di Vittoria Bianchi, prodotta in Sicilia a Marsala (14/16 euro).

 

Infine, ci sono gli intenditori, quelli dai gusti più difficili e con loro non si può proprio sbagliare. Consiglio una grappa impegnativa, invecchiata in barrique, come la Grappa XO Aged Cuvée Sibona, prodotta nella zona del Roero (25/27 euro); la Grappa Barili di Sauternes di Jacopo Poli, prodotta a Schiavon in provincia di Vicenza (45/47 euro); o, infine, la Grappa dell’Alto Adige Barrique Riserva Psenner di Termeno ( 15/17 euro).

 

Se volete, assieme alla grappa, mettete un buon cioccolato fondente, magari al 90%. Un ultimo consiglio.

 

Non fatevi mai affascinare dalle meravigliose bottiglie in vetro soffiato, che hanno prezzi eccessivi, ma il cui contenuto non sempre corrisponde alle aspettative! Buona scelta e buone feste a tutti.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button