Rubriche

Assaggiatori di grappa e distillati a lezione

Assaggiatori di grappa e distillati in Toscana per tenersi aggiornati. Sulle colline di  Montespertoli (Fi) oltre novanta assaggiatori dell’associazione Anag, Assaggiatori grappa e acquaviti in arrivo da tutta Italia si sono dati appuntamento da venerdì 9 a domenica 11 febbraio nel Centro per la Cultura del Vino “I Lecci” del Museo della Vite e del vino.

Anag è un’associazione senza scopo di lucro fondata nel 1978 presso la Camera di Commercio di Asti, attiva e presente in tutta Italia e che promuove una “cultura del buon bere” e valorizza un prodotto interamente italiano che porta con sé un bagaglio di tradizioni e professionalità. La Grappa, infatti, è riconosciuta dal maggio 1989 come “acquavite di vinaccia prodotta in Italia esclusivamente da vinacce nazionali.

I lavori si sono aperti dopo il saluto di Paola Soldi, presidente federale Anag e di Alessio Mugnaini, vicesindaco di Montespertoli che hanno dato il via a questa tre giorni ricca di “spirito”. Aromi, profumi, tecniche di produzione e valorizzazione del prodotto sono state le materie che i partecipanti hanno potuto approfondire.
Gli assaggiatori sono stati coinvolti da esperti qualificati in lezioni su analisi sensoriale, fermentazione, distillazione e invecchiamento prima di lasciare spazio alla pratica con la degustazione di distillati internazionali e grappe invecchiate. Ad arricchire l’appuntamento è stata anche una cena-degustazione a base di prodotti tipici del territorio, offerti dall’Associazione Produttori Colline Toscane in abbinamento a distillati.

I corsi di aggiornamento per assaggiatori nascono per l’esigenza di formare nuove leve e rafforzare la squadra di docenti e relatori Anag sempre impegnata in eventi e degustazioni in tutta Italia.

La grappa prodotto tipico del nostro paese non ha la stessa fortuna del vino e non è “gareggia” al pari di altri distillati; necessita quindi di diffusione e conoscenza maggiori. Per questo l’Anag crea eventi con esperti in tutta Italia affinché la cultura dei nostri distillati entri a pieno titolo nelle scelte di chi lavora nel settore.

R.C.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Wine Writer, Diplomata sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button