Vendemmia Italia 2019, calo del 16-20% di uva, ma più qualità

Vendemmia Italia 2019, calo del 16-20% di uva, ma più qualità

Print Friendly, PDF & Email

L’annata dei vitigni autoctoni in purezza o in mix intelligenti per una impronta “ di marca” del territorio….forse più’ forte della doc stessa!

https://www.rainews.it/tgr/rubriche/officina-italia/video/2019/10/contentitem-cdee0318-0bf6-416d-811e-0ea99721b881.html

Comolli: “ produzione in linea con lo standard italiano, calo che garantisce una piu’ alta qualità , più’ valore, più’ identità per i vini più legati al territorio come brunello e zibibbo di Pantelleria. fare sistema non vuol dire omogeneizzare e standardizzare tutte le doc sotto il cappello delle  mega-doc regionali.
Ci sono piccole realtà che hanno un appeal globale e mondiale più alto delle doc grandi. La Toscana e’ un esempio positivo da non modificare. la doc Piemonte non ha aiutato le piccole produzioni e le docg locali. Lo Sciacchetrà è solo lo Schiacchetrà in tutto il mondo”

 

Sabato 26 ottobre, Officina Italia, Rai Tre, ore 11,30 punta tutto sulla “ Vendemmia Italia 2019”.

Una intera puntata dedicata a come è andata la vendemmia 2019 nelle diverse regioni italiane.

 #vendemmiaitalia2019 dalla Sicilia a Montalcino, dalle 5 Terre all’ Oltrepò Pavese per parlare di esclusività assolute come il Riesling Renano di Montalto, il Brunello e lo Sciacchetrà. Con una puntata diretta a difesa dello Zibibbo della DOC Pantelleria, unica denominazione storica e antica che una il termine “ Zibibbo” per indicare un particolare tipi di uva di Moscato. 

Il resto del mondo può usare il nome del vitigno riconosciuto e noto a tutti : il Moscato di Alessandria d’Egitto. Dalla puntata emerge in produzione in calo nazionale del 16-20% circa, con punte estreme in Puglia, Sicilia, Lombardia mentre la toscana gioca in controtendenza con un + 10% rispetto alla vendemmia 2018 che era stata molto abbondante: 55 milioni di ettolitri l’anno scorso, 42-44 milioni di ettolitri quest’anno con ben 21-22 milioni di ettolitri rivolti all’export. Meno produzione vuol dire più qualità più valore più identità dei vini di territorio. Intervista a tutto campo di #giampietrocomolli in Rai Tre fino alle ore 12.  Trenta  minuti di domande e risposte solo per Giampietro Comolli con la conduttrice giornalista Giovanna Greco e 6 documenti esterni in altrettante zone di produzione. Comolli: “ L’enoturismo, come l’e-commerce sono il futuro di molte piccole aziende vitivinicole famigliari: regioni, consorzi ministero devono sostenere economicamente questi sforzi perché sono “ la salvezza” produttiva di un territorio e la sua vita!  Se poi il territorio è “eroico” come la costiera amalfitana, l’isola d’Ischia, i pendii delle 5 Terre oppure i terrazzamenti delle prose di Zibibbo a Pantelleria dove i “veri” viticoltori vendemmiano in ginocchio perché non c’è alternativa, allora è obbligo sostenere gli sforzi di chi non abbandona, non rinuncia anche difronte a più comode alternativa e non abbandona e cala le braccia difronte agli altri”.   

 

Officina Italia è l’appuntamento della redazione TGR con l’economia delle Regioni. Un viaggio con tappe fondamentali alla ricerca delle eccellenze del made in Italy attraverso storie e protagonisti e alla scoperta dei nuovi talenti d’impresa, di manager, di imprenditori. Direttore di Rai Tre e Alessandro Casarin, vicedirettore e responsabile del programma Ines Maggiolini, coordinamento giornalistico di Giorgio Tonelli figura storica, pilastro della Rai di Bologna da decenni, buon gustaio e attento reporter da sempre.   

About The Author

Related posts