CuriositàEgNews

Un Salone sempre più Cook

In linea con la tendenza del momento, che vede tutto ciò che è gastronomia ed enologia ai primi posti del gradimento degli italiani, anche il Salone del libro di Torino, in questa ventottesima edizione ha dedicato un vero e proprio spazio enogastronomico all’interno di Lingotto Fiere: Cook Casa Book. Nato come un piccolo spazio qualche anno fa, quest’anno è diventato un vero e proprio stand operativo che ha visto alternarsi chef rinomati con show cooking originali, ricette vegane o, per restare nella tradizione piemontese, veri e propri corsi di pasta fresca, con i Tajarin e il raviolo del Plin.
Non sono mancate degustazioni guidate di Nebbiolo, organizzate dal Gambero Rosso o incontri per riscoprire un classico della tradizione locale famoso in tutto il mondo: il Vermouth.
Tante le istituzioni presenti oltre alle migliaia di case editrici e tra queste le numerose regioni d’Italia (non tutte, il Veneto ad esempio quest’anno non ha destinato nessun fondo alla promozione della cultura veneta) che oltre ad essere di sostegno ai piccoli editori che altrimenti non sarebbero potuti essere presenti, sono stati molto attivi nel presentare le proprie eccellenze, offrendo degustazioni di prodotti tipici accompagnati da vini locali, con le voci dei presentatori ad illustrarne il territorio.
Anche allo spazio Rai gli eventi gastronomici non sono mancati: dalle ricette a colori, coreografate delle Wings direttamente da Rai Gulp, alla lectio magistrali tenuta da Gianfranco Vissani che ha raccontato la sua idea di cucina guidando alcuni giovani chef nella preparazione di piatti originali.
Italia, salone delle meraviglie era il titolo di questa ventottesima edizione, che ha visto come padrino di eccezione il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella che, dopo la presentazione in sala gialla ha anche passeggiato tra i corridoi di Lingotto.
Cultura, spettacolo, gossip, essere presenti a questo evento è quasi d’obbligo; giornalisti del calibro di Enrico Mentana, Paolo Mieli, Concita De Gregorio o scrittori come Marco Malvaldi, Michela Marzano, Stefano Benni, Antonia Arslan, Alessandro d’Avenia solo solo alcuni dei protagonisti che poteva capitare di incontrare tra i corridoi della fiera.
In crescita anche il numero di visitatori. Con 341.000 presenze, anche quest’anno il Saline del Libro ha confermato il suo primato di evento più importante del panorama culturale italiano.

Sonia Biasin


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button