Punti di Vista

Poveri senza cibo

Da un’analisi di Coldiretti, sono più di 4 milioni i poveri in Italia che nel 2013 sono stati costretti a chiedere aiuto per il cibo. Uno schiaffo morale per la Patria degli sprechi e nessuno se ne occupa.

L’ho detto tante volte che l’Italia non è un Paese normale. Scusate se mi ripeto, ma è la triste realtà che non riesce neanche più a fare notizia. Secondo l’analisi fatta da Coldiretti sono più di 4 milioni i poveri in Italia che nel 2013 sono stati costretti a chiedere aiuto per il cibo.

 

Peggio, negli ultimi anni si è avuto un aumento esponenziale dei poveri che non riescono a sfamarsi. Erano 2,7 milioni nel 2010, sono saliti a 3,3 milioni nel 2011 ed hanno raggiunto i 3,7 milioni nel 2012; oggi hanno superato i 4 milioni. Cifre intollerabili per un Paese civile che ha la presunzione di definirsi una potenza economica.

 

A questo stato di cose, deve aggiungersi una grande contraddizione. In Italia secondo il Barilla Center for Food and Nutrition ogni anno finiscono tra i rifiuti dai 10 ai 20 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, per un valore di circa 37 miliardi di euro e un costo di 450 euro all’anno per famiglia. Una quantità di cibo da rabbrividire che basterebbe a sfamare, secondo la Coldiretti, circa 44 milioni di persone. Sprechiamo tonnellate di cibo e la gente nel contempo muore di fame.

 

Una situazione drammatica che non può trovare giustificazione nella crisi economica soltanto, ma nell’incapacità del governo a considerarla una priorità assoluta. E siamo alla vigilia di Expo 2015 che avrà come tema portante “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, e ne parleranno chi non riesce a nutrire neanche 4 milioni di affamati.

 

Che contraddizione in termini! Noi non possiamo far altro che recuperarla come notizia, ad altri spetta il compito di trovare soluzioni immediate per una situazione insostenibile!


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button