Vino e Ristoranti

PetraMater di Tenute Orestiadi lo spumante per promuovere il patrimonio culturale mediterraneo

Nell’incantevole museo della memoria a cielo aperto del Cretto di Burri presentato il nuovo Metodo Classico da uve Carricante provenienti dai vigneti posti a pochi metri dall’opera d’arte contemporanea di Gibellina vecchia.

Nella suggestiva cornice del Cretto di Burri, museo a cielo aperto dove il tempo si è fermato la notte del 14 gennaio 1968, Tenute Orestiadi ha presentato PetraMater 2018, il nuovo metodo Classico da uve Carricante che sostano 30 mesi sui lieviti. Uno spumante affascinante nel quale il vitigno Carricante si esprime nel terroir occidentale dell’Isola, in un vigneto accanto al cretto di Burri a 350 m.t. slm su suolo bianco calcareo.

cretto di burri

PetraMater ricorda la terra, un nome fortemente legato all’idea di Gibellina che dalla terra e dall’arte è rinata. Nel bicchiere il perlage è intenso, piacevole naso con note di crosta di pane, floreali di glicine, fruttate di pesca, ananas e agrumi. In bocca mostra la sua struttura e una grande piacevolezza, con una viva acidità in sottofondo, dal lungo finale.

 

Quello di Tenute Orestiadi è un progetto nato dall’impulso di Fondazione Orestiadi e da Cantine Ermes, una delle più importanti realtà vitivinicole siciliane per promuovere il  patrimonio artistico e culturale mediterraneo. Grazie alla collaborazione tra Fondazione Orestiadi e Tenute Orestiadi nasce così uno Spazio sensoriale, che coinvolgendo il gusto, il tatto, l’olfatto, la vista e l’udito conduce il visitatore verso una nuova esperienza che ne amplifica la conoscenza.

petramater

Una storia di forza, di orgoglio propositivo, di passione. Parte da qui il racconto di Tenute Orestiadi, nate nel 2008 nel cuore della Valle del Belìce, a Gibellina in Sicilia, dove profumi e colori mediterranei si intrecciano col mito e con l’arte. Trasformando in energia l’ardua risalita dopo un momento storicamente ed economicamente complesso, il terremoto del 1968, l’intera valle è diventata oggi polo culturale e di dialogo per l’area del Mediterraneo.

calice petramater

 

Fil rouge della ricostruzione lo stretto rapporto tra agricoltura e arte, che diviene tratto identitario dell’azienda. Un insieme di terroir unici, quelli di Gibellina e della Valle del Belìce, caratterizzati da una pluralità di suoli, da specifici microclimi e da differenti altitudini che generano vini frutto di passione e dedizione, oltre che di una profonda conoscenza della Valle e delle sue micro peculiarità. È questo il vero punto di forza dei vigneti coltivati all’interno della Valle del Belìce. Oggi PetraMater, Tenute Orestiadi e il Cretto rappresentano la voglia di riscatto di un paese e dei suoi abitanti.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Guarda anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio