Ostriche d’oro la novità dall’Adriatico

Ostriche d’oro la novità dall’Adriatico

Print Friendly, PDF & Email

Goro ancora una volta agli onori della cronaca per i suoi gioielli di mare, Il biologo marino Edoardo Turolla ha sperimentato le ostriche oro “Crassostrea gold” della famiglia delle ostriche concave o portoghesi, ha la caratteristica del guscio color oro.

La prima produzione è quasi pronta per il mercato italiano e internazionale, ne saranno disponibili circa 80 quintali, ma quando la produzione sarà a regime si arriverà sicuramente a quadruplicare.

Oltre al bel colore dorato del guscio, questa ostrica è leggermente più consistente e dolce al palato, molto più fine e delicata.

Il dott. Turolla ha dichiarato:” in natura le ostriche oro ci sono, ma sono molto rare, mi è capitata di trovarne un paio in una produzione, le ho tenute e ancora la fortuna ha voluto che fossero maschio e femmina. da li ho cominciato la selezione facendo sviluppare i migliori riproduttori e adesso siamo arrivati alla prima produzione in mare”

Curiosità il produttore che ha fatto questa bella produzione è un francese trapiantato a Goro, Loran Sitterlin arrivato a Goro alla fine degli anni ottanta si è sposato e si è dedicato con grande passione all’allevamento delle ostriche.
Già in questi anni si è distinto per la grande qualità della sua produzione, spingendosi anche fare un marchio e vendendo le sue ostriche con prezzi sempre superiori alla media, il mercato sa riconoscere la qualità.
Ora non resta che aspettare che siano pronte le ostriche d’oro, sperando che ci fornisca qualche deliziosa conchiglia prima che i mercanti le prendano tutte.

About The Author

Related posts