Lo chef messinese Paolo Romeo entra a far parte di Euro-Toques

Lo chef messinese Paolo Romeo entra a far parte di Euro-Toques

Print Friendly, PDF & Email

Paolo Romeo, 40 anni, executive chef del Ristorante Il Grecale Kajiki della città dello stretto, entra nell’Associazione Euro-Toques, Comunità di cuochi fondata da Gualtiero Marchesi.

Si rafforza il gruppo siciliano di Euro-Toques con l’ingresso dello chef messinese Paolo Romeo, del Ristorante Il Grecale Kajiki. Euro-Toques Sicilia, seconda delegazione per numero di associati dopo la Lombardia, è sempre più impegnata e attiva per eventi volti alla promozione della cucina regionale e con scopo solidale.

 

Rappresentata dal suo delegato regionale Giovanni Porretto, coadiuvato da Giuseppe Triolo, la delegazione sta lavorando ad un evento che vedrà coinvolti i soci isolani, oltre ad un nutrito gruppo di cuochi membri proveniente da altre regioni.

 

Per festeggiare l’ingresso dello chef messinese, si svolgerà una cena evento a 10 mani a Messina, presso il Ristorante Grecale Kajiki in cui Paolo Romeo è executive chef.

 

“Ringrazio il presidente Enrico Derflingher ed il Direttivo – ha commentato Romeo – per avermi voluto all’interno di questa prestigiosa Associazione che annovera tra i suoi iscritti grandissimi professionisti che per noi giovani cuochi restano degli esempi e dei grandissimi maestri che hanno fatto grande la cucina italiana, facendola apprezzare anche a livello internazionale. Sono certo che in Sicilia faremo grandi cose”.

Euro-Toques Italia, fondata da Gualtiero Marchesi, è l’unica associazione riconosciuta dalla Commissione Europea per la difesa della qualità degli alimenti e annovera tra i suoi iscritti alcuni dei più rinomati chef, tra cui i tristellati Massimiliano Alajmo, Heinz Beck, Massimo Bottura, Enrico Crippa, Annie Feolde, Niko Romito, Enrico e Roberto Cerea, Nadia e Giovanni Santini.

 

Tra gli obiettivi dell’associazione c’è quello di elevare il livello e il prestigio professionale dei propri soci, in modo che essi possano adeguatamente partecipare all’esercizio dell’arte culinaria, nell’interesse del suo turismo e dei paesi europei.

 

 

About The Author

Related posts