Curiosità

La cultura del cibo catalano sbarca in Sicilia

Successo per la manifestazione “Catalunya, dove il cibo è cultura” organizzata nei giorni scorsi a Palermo dalle associazioni gemelle Catalunya-Sicília e Sicilia-Catalunya in collaborazione con Prodeca, l’ente governativo per la promozione dell’agroalimentare catalano.

Serata speciale quella svoltasi nei giorni scorsi a Palazzo Fatta nel capoluogo siciliano, protagonisti il cibo e il vino catalano. Presentato ad un pubblico qualificato il Cava, un vino spumante prodotto esclusivamente in Catalogna. L’evento è stato organizzato dalle associazioni gemelle Catalunya-Sicília e Sicilia-Catalunya in collaborazione con Prodeca, l’ente governativo per la promozione dell’agroalimentare catalano.

saloni palazzo fatta

L’obiettivo di entrambe le associazioni è quello di fare da tramite tra la società civile della Catalogna e quella della Sicilia, promuovendone i diversi aspetti come cultura, economia, storia, commercio o gastronomia. Alla presenza di Luca Bellizzi, delegato del governo catalano e di Gianpiero Cannella, assessore alla cultura del comune di Palermo, il sommelier Filippo Barbiera accompagnato dalla chef e consulente di gastronomia italiana Giovanna Peracchia, hanno guidato la degustazione di cinque Cava (due Cava de guarda, bianco e rosato, due de guarda superior, riserva e gran riserva e un Cava de paratge), abbinati ai piatti tradizionali che meglio li accompagnano, mettendo in rilievo l’influenza del paesaggio nella cucina catalana.

La chef Peracchia ha illustrato le similitudini, nella gastronomia e nelle abitudini locali, tra entrambi i territori mediterranei, di Sicilia e Catalogna, per rinforzarne il vincolo. Terminata la degustazione, i partecipanti hanno potuto gustare “Pa amb tomaquet”, pane con pomodoro, con il pane del forno Montserrat Forners, vincitore del premio al miglior Pa de Pagès, la “olivada” una specie di paté di olive nere, la salsa romesco, tipica della comarca dell’Alt Camp, salsa a base di mandorle, nocciole, pomodoro e aglio arrostiti, nyores (peperoni secchi) e olio. I Salumi tipici, come la llonganissa, il fuet e la botifarra catalana. Alcuni Formaggi come il Garrotxa di capra, il Serrat di pecora o il Tupi, accompagnati dalle marmellate del Museu de la Confitura. Tra i prodotti dolci, il torrone di Agramunt Igp, le nocciole di Reus Igp de L’Avellanera, le  Neules artigiane di Casa Graupera.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button