Punti di Vista

#iomangioitaliano

Nuova campagna di comunicazione del ministero delle Politiche agricole e forestali che unisce due simboli dell’eccellenza italiana: gli Azzurri e l’agroalimentare di qualità. Sarà sufficiente a contrastare il falso made in Italy?

E’ stata avviata la campagna istituzionale “#iomangioitaliano”, realizzata dal Mipaaf in collaborazione con la Figc, che ha come testimonial il commissario tecnico della Nazionale di calcio, Cesare Prandelli.

 

Obiettivo prioritario della campagna è contrastare la contraffazione attraverso l’informazione e aumentare il grado di conoscenza dei marchi Dop e Igp, tra i consumatori italiani, raccontandone il valore e le caratteristiche distintive. Sarà sufficiente a contrastare il falso made in Italy?

 

Se analizziamo i numeri, c’è da rabbrividire. Due prosciutti su tre venduti in Italia, provengono da maiali allevati all’estero; tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro sono stranieri; oltre un terzo della pasta è ottenuta da grano non coltivato in Italia e la metà delle mozzarelle sono fatte con latte o cagliate straniere. E non finisce qui.

 

A livello internazionale, il falso made in Italy crea un danno economico che supera i 60 miliardi di euro l’anno; in Italia dall’inizio del 2013 sono 2 milioni le componenti di packaging ingannevoli scoperte in circolazione dal Nucleo anti frodi dei Carabinieri e dall’Ispettorato controllo qualità e repressione frodi. Ecco perché siamo scettici ministro Martina!

 

La cultura del cibo di qualità italiano va tutelata intervenendo con iniziative su più fronti, che siano prioritarie nell’agenda politica del Governo. E se è vero che i prodotti Dop e Igp sono garanzia di una filiera produttiva completamente tracciabile e controllata perché non iniziare creando un’autorità centrale per il controllo e la tutela dei marchi Dop, Igp e Stg che lavori in intesa con gli organismi europei preposti a tutela del made in Italy?

 

Gli spot sono sempre spot, anche se istituzionali!


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button