Il Savignone Rosso di Podere Morini batte tutti con la coda alla vaccinara

Il Savignone Rosso di Podere Morini batte tutti con la coda alla vaccinara

Print Friendly, PDF & Email

Il famoso quinto quarto Coda alla Vaccinara era un piatto povero, è diventata una prelibatezza non solo della cucina romana, se ne sono accorti anche altri.
Lo chef Massimiliano Mariola di Gambero Rosso channel, ha fatto la ricetta tradizionale e lo ha insegnato anche a noi.

Abbiamo messo in tavola ben tre vini, Cesanese del Piglio Docg di Petrucci e Vela, Cabernet di Cavazza e Traicolli Savignone Rosso di Poderi Morini.
Qui in redazione ci piace sentire i pareri di tutti e abbiamo nascosto le etichette, alla cieca la prima bottiglia terminata proprio Traicolli.

Scartando le etichette anche gli altri due erano consumate quasi del tutto, ma a grande richiesta hanno voluto ancora un’altra bottiglia di Savignone Rosso.
La coda è pesante, per sgrassarlo abbiamo seguito il consiglio di Max di mettere tanto sedano, ma poi anche il vino ha contribuito.

L’azienda Poderi Morini ha anche altri grandi vini, il Nadel riserva di Sangiovese, ma anche un altro autoctono d’eccellenza “Augusto” il Bursòn.
Proprio il Bursòn di Poderi Morini ha vinto la prima semifinale alla cieca contro altri due Bursòn di altri produttori.

Noi ringraziamo max Mariola per i generosi consigli che ci ha fornito, ma con la sua ricetta preferiamo mettere vini non del territorio ma che si sposano divinamente.
Alla prossima Cena

About The Author

Related posts