Punti di Vista

Guardare oltre la crisi

La relazione sulla competitività europea lancia un allarme: senza l’industria né crescita né ripresa dell’occupazione. La sfida del futuro è di rendere più competitive le imprese Ue sul mercato globale.

Migliorare la produttività nel settore manifatturiero: questo l’imperativo categorico indicato nella Relazione sulla competitività 2013 della Commissione europea. Dopo una ripresa nel periodo 2009/2011, l’industria europea ha fatto registrare nuovamente una contrazione. La domanda interna nei Paesi dell’Ue rimane debole e la ripresa economica è attribuibile principalmente alla domanda esterna.

 

Occorre fare di più a livello Ue. Certo, bisogna fare di più, ma non come un buon proposito per il futuro, non basta! Occorre orientarsi su i punti di forza, affrontando e superando le debolezze strutturali a lungo termine nel settore manifatturiero. Prodotti di qualità, a elevata intensità di tecnologia e di conoscenze e continua formazione degli addetti sono gli aspetti positivi, congiuntamente all’aumento dell’export verso i Paesi Extra europei.

 

Ma bisogna fare i conti con il ritardo nel migliorare la produttività europea rispetto alle potenze industriali emergenti e ad alcuni dei suoi concorrenti principali, quali Stati Uniti e Giappone; nonché nel più lento assorbimento, da parte del mercato, dei risultati della ricerca (cosiddetto divario nella commercializzazione dei risultati della ricerca).

 

Lo sviluppo dei prossimi anni dovrà utilizzare un quadro istituzionale adeguato che comprenda l’istruzione, la ricerca, le tecnologie e le politiche in materia di innovazione, oltre alla qualità della governance. Se è così, non c’è da essere ottimisti in casa nostra.

 

In Italia, infatti, occorre fare i conti con una pubblica amministrazione alla deriva, un accesso al credito paralizzato, scarsi investimenti nell’istruzione e nella ricerca e una governance da ripensare. Proseguendo su questa strada, sarà impossibile uscire dal tunnel della crisi!


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button