Punti di Vista

Frode o non frode, questo è il dilemma!

Il nucleo controllo pesca della Capitaneria di Porto di Palermo in un blitz presso strutture turistiche del litorale, ha scoperto numerose irregolarità, multando i proprietari. Ma per l’Asp n. 6 i verbali sono illegittimi. Tutto nullo, tranne il pesce congelato servito come fresco.

C’è da non crederci che in un Paese normale possano succedere queste cose, ma forse normali non lo siamo. Andiamo con ordine.

 

Il nucleo controllo pesca della Capitaneria di Porto di Palermo la scorsa settimana fa dei controlli soprattutto nei ristoranti del litorale palermitano. Risultato: in 21 dei 30 ristoranti controllati servivano come fresco pesce congelato o di dubbia provenienza.

 

Addirittura, nel blasonato ristorante Castello a Mare di Palermo (chef Natale Giunta), oltre al pesce surgelato, sono stati trovati prodotti scaduti. La Guardia Costiera ha elevato 35 mila euro di verbali per le irregolarità riscontrate.

 

Bene, invece di sostenere l’operato della Capitaneria di Porto a tutela degli utenti, i veterinari dell’Asp n. 6 di Palermo hanno annullato gli effetti dei controlli, cancellando i verbali per difetto di competenza e le relative multe.

 

In soldoni, la Capitaneria di Porto non era competente (secondo i veterinari dell’Asp n. 6), ad adottare quei provvedimenti. Roba da rabbrividire! Tornando al Paese normale, ci si chiede se l’autorità giudiziaria ha avviato un’indagine nei confronti dell’Asp n. 6 di Palermo per omesso controllo sulla somministrazione degli alimenti nel territorio.

 

Quello che è successo in Sicilia è lo specchio di un Paese che arranca, fra valori disattesi e illegalità diffusa, frutto di un patto scellerato con chi è incapace di governare nell’interesse della collettività. A ciascuno la sua responsabilità!

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button