Info & Viaggi

Firenze: la cucina toscana e il Bursòn

È stato un bell’incontro quello che ieri, giovedì 11 giugno 2015, si è svolto a Firenze dove il Bursón romagnolo è stato messo alla prova con un menù tipicamente toscano.  Alcuni produttori del Consorzio Il Bagnacavallo hanno raccolto la “sfida”, ideata dal nostro giornale in collaborazione con GustarViaggiando, e hanno portato le loro migliori produzioni al confronto con portate della cucina toscana e fiorentina in particolare.
20150611_135818Circa quindi giornalisti hanno potuto conoscere il Bursón rimanendo, tutti, piacevolmente sorpresi.  Ottimo in abbinamento con  la profumata finocchiona, geniale con il peposo imprunetino o con la trippa alla fiorentina, il  Bursón  si è dimostrato perfettamente equilibrato e adatto ad ogni portata.
Presenti all’incontro anche Il presidente del Consorzio Daniele Longanesi, l’azienda in cui questo vitigno autoctono è stato riscoperto intorno agli anni ’50,  e il creatore di questo vino, l’enologo Sergio Ragazzini,  che sapientemente ha saputo creare  da quest’uva  resistente, un grande vino assolutamente adatto all’invecchiamento. 20150611_154712
Il Bursón oggi è esportato per circa il 60% e in Italia, al contrario, è ancora poco conosciuto come dimostra la sfida fiorentina dove la maggior parte dei giornalisti non conosceva il prodotto.
Le aziende presenti, tutte reduci da riconoscimenti per i loro vini e in particolare per la vinificazione dell’uva Longanesi, sono un esempio di come la Romagna metta cuore e passione in tutta la propria produzione, passione ampliamente trasmessa ai presenti attraverso i racconti  e, soprattutto, l’assaggio.
Hanno partecipato all’incontro l’Azienda Longanesi  medaglia d’oro 2014 con il Bursón al Concorso Mondiale Bruxelles, Luciano Monti dell’Az. Spinetta medaglia d’oro 2014 con Bursón 2009 e medaglia argento 2015 con l’annata 2010, Gabriele Ballardini dell’az. Riccardo Ballardini oro nel 2015 con  la produzione 2010, Massimo Randi della Randi Vini argento nel  2015 con annata 2010, i pluripremiati Alberto e Ermes Rusticali   della Tenuta Uccellina  che hanno ottenuto la Gran Medaglia D’oro 2014 e 2015 con le annate 2009 e 2010,  Alessandro Morini dell’az. Poderi Morini oro 2014 e argento 2015  con annate 2009 e 2010 e ultima ma non ultima  Paola Benazzi  della Tenuta Lovatella che con i suoi strepitosi passiti  ha permesso ad un dolce semplice come lo zuccotto alla fiorentina di trasformarsi in un piatto da re.

Roberta Capanni

 

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Wine Writer, Diplomata sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button