Enologia e gaming: quando il team building incontra il divertimento

Enologia e gaming: quando il team building incontra il divertimento

Print Friendly, PDF & Email

Negli ultimi anni le aziende di ogni dimensione e localizzazione hanno iniziato a dedicare sempre maggiore attenzione all’importanza delle risorse umane per migliorare la produttività e la soddisfazione dei dipendenti. In quest’ottica la costruzione di un gruppo di lavoro coeso ed efficiente è diventato un imperativo e le attività di “team building” sempre più ricercate. Quello che non tutti sanno, però, è che alcune delle esperienze più innovative nella costruzione di team di lavoro affiatati sono arrivate coniugando l’enologia e il divertimento che solo il magico ambiente dei casinò di Las Vegas, sempre più attento al food & wine, è in grado di regalare.

In Francia, da oltre quindici anni, “Cinéréa International” offre alle imprese un’esperienza irripetibile: quella dell’ “œnoludisme”, ovvero un’attività di team building che mette insieme il mondo del vino con i giochi più amati dei casinò. Si va dal “Casinò del vino” passando per i laboratori di assemblaggio di vino e Champagne, fino ad arrivare alle ormai classiche degustazioni alla cieca e ai quiz a tema enologico.

D’altronde i giochi da casinò, anche grazie ai nuovi standard di sicurezza, stanno spopolando in tutto I settori, enologia compresa, trovando nuove applicazioni innovative che vanno ben oltre il mero divertimento fine a sé stesso.

È con questo approccio che la compagnia Eden Events ha creato “Cavino”, un’esperienza di team buliding che consente allo stesso tempo di assaggiare dei vini di altissima qualità e favorire l’aggregazione e l’intesa fra i partecipanti attraverso i giochi da casinò. Con “Cavino” ci si siede attorno ai tavoli, si cerca di riconoscere il vino del proprio bicchiere, la sua provenienza e gli aromi e si vincono i gettoni alla roulette o alle slot machine che, una volta terminata la sessione, potranno essere reimpiegati per acquistare campioni di vini prestigiosi o altri premi.

A rafforzare il binomio tra enologia e discipline da casinò ha contribuito in epoca recente anche l’esperienza di alcuni professionisti del tavolo verde che hanno lasciato i tornei per dedicarsi proprio alla coltivazione vinicola. Tra questi spicca la storia di Joe Sebok, professionista americano “discepolo” di Barry Greenstein che qualche anno fa ha deciso di cambiare rotta e investire nel settore vinicolo. Sebok ha infatti impiegato buona parte dei guadagni ottenuti per trasferirsi da Los Angeles a Santa Rosa, nella Bay Arena, e acquistare un impianto per vinificare, iniziando a lavorare per diverse cantine locali.

About The Author

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Related posts