Notizie Italiane

Elogi francesi al Trentodoc

Elogi francesi al Trentodoc Alice Paillard, alla guida della maison dello Champagne fondata dal padre

Elogi francesi al Trentodoc

Alice Paillard, alla guida della maison dello Champagne fondata dal padre, esalta le bollicine italiane, quelle di montagna in particolare, da stappare non solo nelle grandi occasioni.

Alice Paillard, la reginetta dello Champagne

“Il futuro dello Champagne? 

Uscire dalla sacralità del mito e riportare il nostro vino simbolo nella vita di tutti i giorni. 

Come già avviene in Italia con il boom degli spumanti di casa vostra: il Trentodoc metodo classico e il Prosecco. 

Le nostre bollicine sono conosciute e apprezzate dagli italiani e il loro consumo ormai fa parte delle vostre abitudini quotidiane, con un approccio molto naturale. 

Ma in altre culture lo Champagne ha l’aura delle grandi celebrazioni, è

Alice Paillard a Palazzo Roccabruna durante il Festival Trentodoc

considerato un vino-icona da stappare solo nelle grandi occasioni. 

Io, invece, voglio ribadire che lo Champagne è un vino e che come tale fa parte della vita, a partire dalle storie di noi produttori, che possiamo raccontare come va servito, come va  consumato a tavola e in quali momenti”.

Lo ha ribadito in occasione del Trentodoc Festival, Alice Paillard, alla guida della maison fondata dal papà Bruno Paillard, la più italiana tra le donne dello Champagne. 

Italiana perchè ha studiato a Venezia, a Cà Foscari, parla perfettamente l’italiano e ha come principale mercato di riferimento proprio l’Italia. 

Amarcord personale: quel viaggio in Bentley da Parigi a Reims

Vent’anni fa fui invitato in Francia da Bruno Paillard con tre colleghi giornalisti italiani per visitare la Champagne. 

Alice Paillard brinda con il papà Bruno nella residenza di Reims

Paillard, all’epoca era presidente del “Comité interprofessionnel du vin de Champagne” e ci venne a prendere all’aeroporto Charles de Gaulle per accompagnarci personalmente da Parigi a Reims con la sua Bentley. 

Nei tre giorni di permanenza a Reims visitammo l’intera area dello Champagne, i vigneti e la maison Paillard che si si sviluppa su 32 ettari vitati, di cui 12 ricompresi all’interno delle zone più pregiate classificate come Grand Crus.

Rimanemmo stupiti da tanta accoglienza, oltrechè dall’eleganza e dalla signoriltà del personaggio. 

Solo al rientro in Italia ci fu spiegato quanto fosse importante il ruolo del presidente del “Comité interprofessionnel de Champagne” che comprende oltre alle grandi maison, i vignerons e i negotians.

 Dopo la carica del presidente della Repubblica (all’epoca Chirac, oggi Macron) è la figura più prestigiosa in Francia anche perché può essere determinante nell’orientare le scelte degli elettori nelle elezioni politiche nazionali.

Alice Paillard nume tutelare dell’associazione Donne dello Champagne

Il Nec Plus Ultra, lo Champagne icona di Bruno Paillard (Reims)

Ma torniamo alla figlia Alice Paillard. Lei è innamorata dell’Italia non solo per ragioni di cuore,

ma anche per motivi commerciali visto che il BelPaese rappresenta il quinto mercato per la Francia con 9,2 milioni di bottiglie che hanno attraversato le Alpi nel 2021, per un giro d’affari che vale 200 milioni di euro (dati del Comité Champagne). 

Mi considero molto fortunata e ringrazio gli uomini, mio padre in primis, che mi hanno dato il coraggio e mi hanno spinto ad intraprendere questa attività”.

Nei giorni scorsi la vulcanica donna del vino francese ha fondato assieme ad altre otto proprietarie e dirigenti di piccole e grandi maison della Aoc Champagne (Appellation d’Origine Contrôlé) la “Transmission Femmes en Champagne”. 

Tutte con le loro visioni, i loro percorsi di vita e le loro professionalità. Ecco i loro nomi: Evelyne Boizel (Boizel), Delphine Cazals (Claude Cazals), Charline Drappier (Drappier), Chantal Gonet (Philippe Gonet), Maggie Henriquez (Krug), Anne Malassagne (A.R Lenoble), Vitalie Taittinger (Taittinger) e Mélanie Tarlant (Tarlant).

Donne con una lunga carriera ed esperienza alle spalle

Alice Paillard, ipresa durante il suo intervento a Palazzo Roccabruna. Con lei Clementina Balter, Donatella Pedrotti e Giulia Pedrini

L’idea di fondare “Transmission Femmes en Champagne” è nata – ha ricordato Alice Paillard – dall’iniziativa di alcune donne accomunate dall’avere una lunga carriera alle spalle nella Champagne.

Oggi hanno deciso di unire professionalità e competenze, ma che agli inizi si sono trovate a lavorare isolate.”

 

Pensare, lavorare e trasmettere la loro visione dello Champagne è la mission che si sono date,

mosse dall’amore per la storia champenoise, delle loro famiglie e aziende, dalla volontà di ribadire l’importanza del lavoro in vigna e di valorizzare l’Aoc Champagne, ma anche dall’orgoglio di esercitare il loro mestiere. 

“Trasmettere è il nostro obbiettivo principale – sottolinea – ed ha una doppia dinamica, perché vuol dire confrontarci tra di noi, che rappresentiamo generazioni, geografie e dimensioni aziendali diverse all’interno della Champagne, e raccontare al mondo lo Champagne con un’immagine condivisa, viva e reale.”

In Italia il consumo dello Champagne è destinato ad aumentare

Oltre a confrontarsi sull’importanza del lavoro sul terreno e in vigna – nello Champagne l’attenzione per le pratiche sostenibili è altissima –

insieme svolgono anche un ruolo di guida e sostegno: “Vogliamo dimostrare alle giovani donne – spiega Alice Paillard – che il nostro mestiere è bello ed è possibile farlo per una donna. 

Durante i nostri workshop chiunque può venire ad incontrarci e parlare con noi. Bisogna far capire alle ragazze che non sono da sole. È importante essere unite e fare rete, dare visibilità alle donne.

 Le difficoltà che affrontiamo sono in generale le stesse di quelle del mondo delle imprese, ovvero che le regole del gioco spesso sono maschili. 

Per la nostra generazione il tema fondamentale è come organizzare il lavoro e come conciliarlo con la vita personale”.

Tornando alla “liason” con il Belpaese, secondo Alice Paillard il consumo dello Champagne in Italia è destinato ad aumentare in futuro: “Ad esempio per la nostra maison l’Italia è il primo mercato estero. 

Secondo me la sua importanza continuerà a crescere nel vostro Paese, soprattutto per quanto riguarda il valore, perché c’è sempre di più un’attenzione verso le Cuvée particolari. 

In generale siamo curiose di vedere come evolverà il nostro modo di produrre, a partire dal cambiamento climatico. Sarà una bella sfida.”

In alto i calici. Prosit!


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button