Curiosità

Domeniche da gustare

Appuntamento con l’Ottobrata Zafferanese, manifestazione per la promozione turistica, sociale e culturale del piccolo centro etneo. Giunta alla sua trentottesima edizione, mette in vetrina le tipicità del territorio e le prelibatezze dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei.

 

Nelle domeniche di ottobre si rinnova il rito della promozione dei prodotti tipici dell’Etna, come da tradizione organizzata lungo le vie del paese e ricca di prelibatezze gastronomiche.

 

Anche quest’anno i Cuochi Etnei, coordinati dal loro presidente Seby Sorbello, con il segretario Vincenzo Mannino, ogni domenica realizzeranno una ricetta a tema con la Sagra, nello stand dedicato alla tradizione.

 

Domenica prossima, 16 ottobre, in prima linea ci saranno i cuochi Carmelo Spoto e Nico Scalora con altri giovani componenti dell’Associazione, che prepareranno risotto ai mugnoli selvatici su salsa al sedano rapa, mela dell’Etna e mentuccia, il tutto guarnito con lamelle di mela cristallizzata, ciuffetti di mugnoli e gocce di peperoncino rosso: “Il Pomo dell’Etna”, questo il nome suggestivo del piatto.

 

Nelle scorse domeniche, invece, protagonisti sono stati Santino Tripoli e Danilo De Feo. Tripoli ha realizzato un risotto con uva, salsiccia e caciocavallo, coadiuvato dai cuochi Alfio Cavallaro, Graziano Patanè, Melania Del Popolo e Valentina Tradito.

 

Il secondo, De Feo, ha preparato un risotto con zucca e porro, mantecato al miele, con granella di pancetta e scaglie di provola dei Nebrodi. De Feo era accompagnato da Giuseppe Favara, Michele Craparo e Santo Galatà.   Saranno invece Orazio Torrisi e Mario Messina a coordinare le prossime domeniche della Ottobrata Zafferanese per l’Associazione Cuochi Etnei.

 

L’Ottobrata Zafferanese nata all’inizio degli anni ottanta come sagra dell’uva, delle castagne, del miele, dei funghi e delle mele dell’Etna, è diventata negli anni una festa per tutti quelli che amano le antiche tradizioni e i sapori intensi di Sicilia.

 

La manifestazione è anche un pretesto per visitare uno degli angoli più interessanti della Sicilia e godere della cultura dell’accoglienza che in queste zone è un valore da custodire gelosamente.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button