Info & Viaggi

Confcooperative Emilia Romagna, successi in tempi di crisi

Nel biennio 2012/2013 sono nate 167 nuove imprese, aumentando soci, addetti e fatturato. Risultati interessanti che dimostrano il buono stato di salute complessivo del mondo cooperativo.

Il movimento cooperativo ha saputo resistere meglio delle altre realtà produttive alla pesante crisi economica e finanziaria degli ultimi anni. In Emilia Romagna, nel quinquennio 2008/2013 la cooperazione ha creato più di 5.200 nuovi posti di lavoro portando gli addetti a sfiorare quota 175 mila (+3,1 per cento).

 

Sempre a livello regionale, in questo periodo Confcooperative ha visto aumentare il proprio fatturato, passato da circa 12.430 a oltre 12.940 milioni di euro (+3,6 per cento), gli addetti (cresciuti da 69.900 a più di 73 mila con un incremento del 4,4 per cento) e i soci (passati da circa 340.600 a oltre 385 mila con un +13 per cento).

 

“In un periodo estremamente difficile a causa della pesante recessione, che ha messo a dura prova la tenuta dell’intero sistema produttivo – ha dichiarato il direttore, Pierlorenzo Rossi – la crescita di Confcooperative Emilia Romagna non si è arrestata nemmeno nel 2013, l’anno in cui la crisi ha fatto sentire i suoi effetti più duri”. Buone performances anche se non migliorano i tempi di pagamento da parte degli enti pubblici e dei privati.

 

“I dati concernenti l’ultimo quinquennio – ha sottolineato il presidente regionale di Confcooperative, Francesco Milza – dimostrano il buono stato di salute complessivo del mondo cooperativo e della nostra Organizzazione in particolare. In questo scenario generale assegniamo un valore particolarmente positivo al dato occupazionale che sottolinea chiaramente la capacità della cooperazione di far coincidere tenuta economica e creazione di lavoro”.

 

Da segnalare, infatti, che ben il 75,6 per cento degli addetti di Confcooperative Emilia Romagna può contare su un contratto a tempo indeterminato e il 61,4 per cento degli occupati è di sesso femminile mentre il 16 per cento è composto da lavoratori stranieri.

 

“In questi anni – ha proseguito Milza – abbiamo messo in campo tutti gli strumenti in grado di favorire la crescita e l’occupazione, in particolare quella dei giovani che possono scegliere la cooperativa come modello imprenditoriale capace di esaltare la persona rispetto al capitale, la squadra rispetto all’individuo, la creatività e il contributo di ciascuno”.

 

Dal punto di vista territoriale, risulta particolarmente consistente il gruppo delle nuove cooperative nate in provincia di Reggio Emilia (43), seguita da Forlì-Cesena (37), Rimini (23), Bologna (18), Piacenza (15), Modena (9), Ravenna (8), Parma (7) e Ferrara (7). La maggior parte di queste nuove imprese opera nel comparto dei servizi (79) e della solidarietà sociale (36), seguiti dal settore cultura turismo e sport con 22 cooperative e dall’agricoltura con 17.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button