Vini e Ristorazione

Chapeau al Novello di Teroldego 2020 dell’Azienda Zeni

Novembre, è tempo di vino novello.  Un rito che si rinnova di anno in anno soprattutto in Francia dove la data di uscita del Beaujolais Noveau.

Il terzo giovedì di novembre e non sono ammesse deroghe.

E’ preceduta da un battage che scandisce, giorno dopo giorno, le tappe del fatidico evento.

Quest’anno il 19 novembre.

E quel giorno sarà festa grande all’insegna del motto: il Beaujolais Noveau est arrivèe.

Da noi, in Italia, purtroppo, da qualche anno il Novello sta perdendo l’appeal che si era conquistato grazie anche a Pino Khail che lo aveva fatto conoscere nel mondo.

Oggi i 25 milioni di bottiglie di 15 anni fa sono solo un ricordo: non raggiungono nemmeno i 2 milioni di bottiglie.

La colpa? Non è solo questione di moda.

Purtroppo si erano inseriti nel business i soliti furbacchioni che hanno svilito il prodotto lanciando il Novello con le uve più disparate, dalla Val d’Aosta alla Sicilia. Fregandosene del disciplinare di produzione (la macerazione carbonica che esalta le caratteristiche dell’uva appena raccolta).

Risultato?

Gli amanti del buon vino lo hanno abbandonato con le conseguenze che vediamo.

Per fortuna in questo mare di lacrime alcune aziende, quelle più serie, hanno continuato a produrlo come prescrive il disciplinare.

In particolare in Trentino che vanta quello che è considerato il vitigno ideale per la produzione del Novello: Sua Maestà il Teroldego.

Vitigno che consente di ottenere un vino, il primo della vendemmia, che regala  emozioni al primo sorso.

Nei giorni scorsi ho assaggiato il mio preferito: il Novello dell’Azienda agricola Zeni di Grumo, San Michele all’Adige.

Colore rosso rubino intenso e brillante con delle bellissime tonalità violacee.

Al naso è una vera apoteosi di frutta (ciliegia e marasca in particolare).

In bocca è fragrante, suadente, morbido, ammaliante. Una spremuta d’uva, profumatissima, appena raccolta. Chapeau.

L’ho assaggiato con il frico (formaggio fuso con le patate, tipico della cucina friulana) preparato dalla mia mogliettina (ferrarese d’origine con mamma friulana).

Una meraviglia.

In alto i calici. E lunga vita al Novello, se fatto come Cristo comanda. (GIUSEPPE CASAGRANDE)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Articoli correlati

Back to top button