Vini e Ristorazione

Alla cieca il Bursòn si conferma un grande vino

Non si chiama Amarone, non si chiama Montepulciano, non si chiama Barolo e neppure Brunello, si chiama Bursòn. Vive nell’antica pianura Padana, nella zona di Bagnacavallo, e farete bene a ricordarvene, perché le sue qualità vi sorprenderanno.

Anticamente i navigatori Fenici, Greci e di altre etnie, che si avventuravano nelle insidiose acque dell’Adriatico avevano l’usanza di portare sementi e animali sulle imbarcazioni per poi piantarle nelle zone costiere, questo per creare le condizioni ottimali per un eventuale loro ritorno. In particolare la zona del ravennate si prestava perfettamente a far crescere la vite, infatti, ne furono seminate oltre 140 specie in quel periodo. Alcune delle quali arrivò fino alla zona di Bagnacavallo grazie all’intervento delle popolazioni che abitavano l’entroterra.

Negli anni cinquanta il signor Longanesi possedeva una pianta che produceva un’uva rossa diversa da tutte le altre, decise per questo di provare a vinificare accorgendosi che questa dava un ottimo vino, con una gradazione alcolica molto alta rispetto agli altri vini. A quel punto decise di impiantare un vigneto e fu così che ebbe inizio la storia del Bursòn.

In seguito altri produttori si misero in gioco e piantarono il Bursòn ottenendo risultati di prestigio. Da qualche anno si svolge una sfida tutta alla cieca, una cena, dove il vino Bursòn sfida altri grandi vini italiani. Nell’edizione di quest’anno solo uno dei vini in gara si è piazzato davanti.

La piacevolezza di questo grande vino sta veramente incantando i pochi fortunati che hanno la possibilità di berlo.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button