Notizie Italiane

A Federico Grigoletti il premio Luigi Togn

A Federico Grigoletti il premio Luigi Togn

A Federico Grigoletti il premio Luigi Togn

Federico Grigoletti brinda con la sorella Martina, papà Carmelo e mamma Marica

Il giovane enotecnico trentino premiato per l’impegno, la dedizione, la coerenza e la capacità di apprendimento manifestate nel percorso degli studi alla Fondazione Edmund Mach.

Festa grande nei giorni scorsi – e non poteva essere altrimenti – in casa Grigoletti a Nomi.

In occasione del 27° Simposio Internazionale dell’Union Européenne des Gourmets Italia tenutosi a Trento la giuria del “Premio Luigi Togn” ha conferito il prestigioso riconoscimento allo studente della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige Federico Grigoletti, neo diplomato al Corso di Enotecnico, con la votazione di 110 e Lode.

Questa la motivazione con la quale l’ambito premio – intitolato all’imprenditore trentino Luigi Togn,

Raffaella Cinelli e Romina Togn consegnano il Premio Luigi Togn a Federico Grigoletti.

recentemente scomparso, già Console Nazionale e Vicepresidente dell’Union Européenne des Gourmets Italia – è stato assegnato al valente giovane Enotecnico, orgoglio di una famiglia di vignaioli della quale rappresenta la quinta generazione: “Per impegno, dedizione, coerenza e capacità di approfondimento manifestate negli anni di apprendimento. Inoltre per la completezza e la chiarezza scientifica dell’elaborato finale presentato alla Commissione d’esame”.

La famiglia Togn – insieme alla Presidenza dell’Associazione e ad una rappresentanza della Fondazione Edmund Mach – hanno consegnato il premio nel commosso ricordo dell’imprenditore vitivinicolo trentino Luigi Togn, recentemente scomparso, con la certezza che Federico Grigoletti saprà raccoglierne il senso alto dell’impegno per l’affermazione della massima professionalità nella consapevole gestione dell’azienda agricola.

La famiglia Grigoletti, la storia di un’azienda agricola modello  

Carmelo Grigoletti con la moglie Marica- il vino è la nostra vita

La storia della famiglia Grigoletti, vignaioli per passione in quell’angolo di paradiso enoico trentino che è Nomi, è racchiusa in un arco di tempo di pochi lustri: dal patriarca Federico al bisnonno Ampelio, dal nonno Bruno a papà Carmelo, da mamma Marica ai figlioletti Federico e Martina.

Nomi è un paesino di poche anime sulla destra orografica del fiume Adige, dove la vite si coltiva con amore e tenacia da tempo immemorabile.

Un’azienda agricola modello che fa onore al Trentino ed in particolare alle tradizioni contadine della Vallagarina.

Territorio ideale alla viticoltura di qualità che ha trovato nelle giovani  generazioni nuova linfa e nuovi stimoli per affrontare le sfide del mercato.

Bruno Grigoletti, 84 primavere e 73 vendemmie: “I grandi vini nascono in campagna”

La famiglia Grigoletti al completo con il patriarca nonno Bruno alla guida

«I grandi vini nascono in campagna dopo una castigata potatura delle viti e una cura maniacale prestata ai grappoli che maturano lentamente al sole». 

Lo ripete sempre Bruno Grigoletti, 84 primavere e 73 vendemmie sulle spalle. Parole sante, ribadite dal figlio Carmelo, che trovano riscontro nella gamma di prodotti a firma Grigoletti.

Chardonnay “L’Opera”, nel Pinot Grigio, nel “Retiko”, nella Schiava, nel Marzemino, Merlot “Antica Vigna”, nel Cabernet, nel “Gonzalier”, nel Maso Federico, nel passito “San Martim” e nelle bollicine Grigolé brut in anfora. 

Tutti vini premiatissimi nei vari concorsi nazionali ed internazionali. In alto i calici. Prosit! (GIUSEPPE CASAGRANDE)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.
Dopo la donazione compila il form di sostenitori!

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio