Vini e Vigne

Vini Rinaldi in mano ai Fratelli Rinaldi

«Rinaldi distribuisce Rinaldi», non è solo un gioco di parole, è la verità, o meglio è uno scherzoso titolo per segnalare un accordo commerciale.

La ‘Fratelli Rinaldi Importatori di Bologna’, dopo aver acquisito anche quest’anno la distribuzione di vini di diverse Cantine italiane, ha raggiunto l’accordo pure con l’Azienda piemontese Pietro Rinaldi.

Fondata nel 1920, l’Azienda Agricola Pietro Rinaldi Pietro Rinaldi - Logoè attualmente gestita dalla quarta generazione della famiglia. I vigneti sono tutti di varietà autoctone (Dolcetto, Barbera, Nebbiolo, Arneis, Moscato). I filari sono mantenuti inerbiti, le viti sono lavorate evitando l’uso di diserbanti, nel rispetto dei cicli biologici e vegetativi, i diradamenti e la vendemmia sono effettuati rigorosamente a mano. La cantina, di nuova costruzione, è attrezzata con tecnologie d’avanguardia; tutte le vasche di fermentazione sono a temperatura controllata, la diraspatura avviene tramite rullo soffice per mantenere l’integrità del frutto, la pressatura viene effettuata con polmone ad aria a bassa pressione. La barricaia comprende botti grandi, tonneau e barrique; è dotata di riscaldamento a pavimento per il controllo della temperatura ed è posizionata sotto terra, per il mantenimento di una temperatura il più possibile costante.

I vini Pietro Rinaldi - Gamma viniPietro Rinaldi hanno ottenuto lusinghieri riconoscimenti dalla critica specializzata sia in Italia (Gambero Rosso, Veronelli) sia all’estero (Wine Enthusiast, James Suckling, Robert Parker).

Questa è la gamma completa:
– Langhe Arneis D.O.C., Vigne di Hortensia: uve Arneis al 100%, ottimo aperitivo, si abbina di preferenza ad antipasti, pesce, crostacei e primi piatti.
– Dolcetto d’Alba D.O.C., Madonna di Como: uve Dolcetto al 100%, si abbina agli antipasti piemontesi, ai primi, alle carni bianche e rosse, grazie alla sua freschezza e ai suoi ottimi profumi.
– Barbera d’Alba D.O.C., Monpiano: uve Barbera al 100%, si accompagna ad arrosti di carni bianche e rosse e a formaggi di media stagionatura, grazie alla sua freschezza.
– Barbera d’Alba Superiore D.O.C., Bricco Cichetta: uve Barbera al 100%, si abbina egregiamente ai primi, ai bolliti misti e ai brasati di manzo.
– Moscato d’Asti D.O.C.G., d’Ampess: uve Moscato Bianco in purezza, magnifico con dolci e torte, ma anche con formaggi freschi non stagionati.
– Langhe Nebbiolo D.O.C., Argante: uve Nebbiolo al 100%, per i primi importanti e su tutte le carni. La sua grande eleganza e la sua complessità lo rendono anche un eccellente vino da meditazione.
– Barbaresco D.O.C.G., Vigna San Cristoforo: uve Nebbiolo in purezza, splendido su piatti al tartufo bianco e su brasati e cacciagione. Grande vino da meditazione.
– Barolo D.O.C.G.: uve Nebbiolo al 100%, anche lui superbo su piatti al tartufo bianco, brasati di manzo, cinghiale e cacciagione. Sublime come vino da meditazione.
– Barolo D.O.C.G., Monvigliero: sempre uve Nebbiolo in purezza, è straordinario su tutti i grandi piatti della cucina piemontese. Elegante, sontuoso, è il re dei vini da meditazione.

Per informazioni: Fratelli Rinaldi Importatori S.p.A., tel. 051 4217811, fax 051 242328, e-mail info@rinaldi.biz, www.rinaldi.biz.

MS


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Articoli correlati

One Comment

  1. Pingback: Vini Rinaldi in mano ai Fratelli Rinaldi
Back to top button