Punti di Vista

Vini e spumanti made in Italy: vince l’export

I numeri parlano chiaro: cresce l’export di vini e spumanti italiani, mentre il mercato interno segna il passo. Nel 2012 abbiamo mantenuto il primato di primo fornitore di vini degli Stati Uniti.

Le aziende vinicole nazionali sul mercato statunitense hanno fatturato circa 1,5 miliardi di dollari, per una quota di mercato del 29,2 per cento del totale importato (dati U.S. Department of  Commerce).

 

La migliore performance l’hanno registrata gli spumanti italiani, le cui esportazioni verso gli Usa hanno avuto una crescita del 5,6 per cento rispetto al 2011, anche se le importazioni statunitensi totali di spumanti hanno registrato un calo dello 0,9 per cento. Insomma, siamo stati doppiamente bravi. E non finisce qui! Le esportazioni di spumanti sono in crescita anche in Europa: Francia, Olanda, Svizzera, Svezia, Austria e Polonia segnano un più 11 per cento. La Francia in particolare passa da circa 5 milioni di bottiglie importate a quasi 9 milioni (+34%), principalmente Prosecco e Moscato (dati Osservatorio economico vini-Ovse).

 

E in Italia cosa succede? Dal 2010 i consumi interni di vini e spumanti hanno subito un calo. Oggi si consumano poco più di 40 litri di vino all’anno, rispetto agli oltre 60 di quasi venti anni fa. Colpa della crisi si dirà, a cui si aggiunge anche l’aumento dei prezzi al consumo. Estremamente banale come giustificazione!

 

Credo che sia il caso di fare una seria riflessione che vada oltre i luoghi comuni. Il vino non può più essere un “affaire” riservato a pochi, una sorta di prodotto da salotto buono, spazio esclusivo dei grandi intenditori. Non è necessario fare degli italiani dei sommelier professionisti, basterebbe soltanto trasmettere gli strumenti essenziali per riuscire ad apprezzare il vino, distinguendo la qualità del prodotto che si beve. Il vino prima di essere venduto, va raccontato, vanno comunicate le emozioni che induce e non a pochi eletti, ma a tutti, altrimenti non si va da nessuna parte!

 

 

                                                                                                                         Piero Rotolo

                                                                                                                     p.rotolo@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button