Vini e Ristorazione

Valle dell’Acate 7 terre per 7 vini

Acate è un piccolo Comune in provincia di Ragusa, nella valle del fiume Dirillo, al centro di un territorio per la maggior parte coltivato a vigneti, uliveti e agrumeti, da un lato disteso su un altopiano fino a 250 m di altitudine, verso i monti Iblei, e dall’altro proteso alla costa sabbiosa del Golfo di Gela.

La storia toponomastica di Acate e del Dirillo dimostra quanto sul territorio si conservi la memoria del passato che porta tracce di siculi, greci, romani, bizantini, saraceni, arabi e normanni. In breve “Acate” e “Dirillo” sono due versioni del medesimo nome, l’una greco-romana e l’altra araba. Inoltre, la vocazione vinicola della Penisola è indissolubile legata alla cultura del vino che i greci hanno affinato e portato da noi colonizzando le nostre coste.

Una tradizione antica che l’azienda vitivinicola ‘Valle dell’Acate’, 01 Valle dell'Acatefondata del 1981 dalla famiglia Jacono, radicata in loco da tempi lontani, e associatasi alla famiglia Ferreri che aveva vigneti nella stessa esposizione, ha intenso valorizzare con il progetto “7 terre per 7 vini”.

«Nel 1990 decidemmo di dare una svolta più personale a quest’azienda, mantenendo fermo l’intento iniziale di valorizzare il nostro territorio ed i vitigni che gli appartengono, ma con un obiettivo ancora più preciso: vini solo di qualità, autoctoni ma al tempo stesso moderni, che tutto il mondo potesse conoscere ed apprezzare», racconta Gaetana Jacono, già ambasciatrice WE-Women for Expo, dinamica imprenditrice con laurea in farmacia diventata perfetta ‘marketing and business woman’, come è stata definita.

Il progetto “7 terre per 7 vini” è pensato per valorizzare le tipicità del territorio, associando a ogni vino l’area più rappresentativa, frutto di 50 anni di sperimentazioni sul campo, prima empiriche poi analitiche, che hanno indicato il terreno giusto.
E così i vini della linea più prestigiosa della cantina Valle dell’Acate sono 7 come le terre dalle quali nascono. ‘Terra gialla’: per vigneti

????????????????

affacciati sulla costa, suolo sabbioso-argilloso dal caratteristico colore giallo, come il grillo dell’etichetta Zagra; ‘Terra bianca’: su terreni calcarei dell’altipiano a 250 m slm poveri ma di buona profondità, per il bianco intenso ma delicato Bidis;  ‘Terra nera’, terreno molto scuro, per il Moro, di buona struttura con profumi spiccati di frutti rossi e cioccolato fondente; ‘Terra nera con ciottoli di colore bianco’: per vigneti dalla buona ossigenazione da cui nasce il rosso Frappato, complesso nei profumi e di buona acidità. E ancora: ‘Terra rossa’, per vigneti che si trovano sull’altopiano chiamato “Bidini Soprano”, composti da sabbie rosso chiaro o scuro di medio impasto, dai quali si ottiene il famoso Cerasuolo di Vittoria, 03 Valle dell'Acate Cerasuolorosso di punta di Valle dell’Acate, che ha ottenuto la denominazione di origine controllata e garantita (DOCG).
Infine, ‘Terra rosso arancio’: terreno molto leggero con struttura sabbiosa a circa 200 m slm, con un vigneto di syrah che dà il Rusciano, vino di grande struttura e complessità, a sentori balsamici; e ‘Terra ocra’: cretosa, con una buona quantità di sabbia, per un piccolo vigneto che produce non più di 800 gr di uva per pianta e da cui origina il Tané.

Valle dell’Acate è oggi simbolo di impegno nella salvaguardia dell’ambiente per l’impiego di impianti tecnologicamente avanzati e attraverso percorsi produttivi basati sui principi della sostenibilità, sempre nel nome di una innovazione sostenibile.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button