Curiosità

Un’oasi di bontà a Palermo

Poco distante dalla Cattedrale, nuova apertura di Io.Bio, l’agribistrot dal concept innovativo. Materie prime di pregio e la cucina raffinata dello chef Marco Piraino per vivere un’esperienza sensoriale coinvolgente.

 

Fattoria urbana, agribistrot, stazione del gusto, qualunque sia il termine scelto, sicuramente Io.Bio, la nuova realtà palermitana, è molto più di un ristorante. Un luogo rilassante che trasmette serenità e aiuta a rigenerarsi dalla routine grazie al contatto con la natura e al buon cibo per curare anima e corpo.

 

Il sogno nel cassetto del giovane chef Marco Piraino, l’eclettico “chef errante” appartenente alla scuderia del Maestro Peppe Giuffrè, reso possibile dal fortunato incontro con Gino Gambino e la moglie Carmela Senatore, proprietari di un terreno inutilizzato in cui volevano creare qualcosa di diverso.

Nasce così Io.Bio un giardino biologico, in città, a due passi dalla Cattedrale di Palermo, una stazione del gusto in cui la cucina si mescola al contatto diretto con la natura grazie ad un orto di quasi mezzo ettaro e una fattoria per animali domestici curato ogni giorno da tutto lo staff di Io.Bio.

Un luogo ideale per bambini che possono andare in giardino e osservare da vicino gli animali da cortile come galline, oche, faraone, tacchini, pavoni, caprette, conigli, ma anche per i grandi che possono ricaricarsi gustando una cucina raffinata, fatta di materie prime eccellenti e rigorosamente stagionale.

“Questo è un luogo in cui non ti rechi perché ti ci imbatti per caso – spiega Marco Piraino – bensì perché vuoi andarci di proposito, perché sai cosa trovi e non ti importa che sia un po’ fuorimano poiché il posto vale il viaggio”. Una cucina di qualità si mescola al contatto diretto con la natura e i prodotti tipici siciliani vengono valorizzati ed esaltatati grazie all’abilità dello chef.

I piatti in menù sono rivisitazioni dei classici della cucina tradizionale, come le deliziose Arancinette agli agrumi preparate con le zeste biologiche o lo Sfincione gelificato in cui la base dello sfincione diventa un crostino di pane nero con sopra una gelatina ottenuta con salsa di pomodoro, scaglie di caciocavallo e acciuga o, ancora, il fragrante Crostino di pane nero con uovo di quaglia.

Da gustare i delicati Tonnarelli con crema di carciofi e ragù di pesce bianco e il Vitello tonnato dal gusto mediterraneo, con crema di capperi, polvere d’uovo e cucunci. Per concludere il pasto, come dessert, è d’obbligo provare il Regno delle due sicilie, un dolce siculo-napoletano composto da un croccante di cioccolato di Modica e arancia, impreziosito da una spuma di babà e un sorbetto al limone.

Un vero e proprio inno alla gola in cui il perfetto equilibrio dei sapori, in apparente contrasto, crea un unicum dall’apprezzabile armonia. Il nuovo menu di primavera è basato su materie prime di stagione tutte rigorosamente prodotte nell’orto dell’agribistrot.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button