Un altra bastonata nei denti ai produttori italiani di grano

Un altra bastonata nei denti ai produttori italiani di grano

image_pdfimage_print

A Bari è arrivato un bastimento da Vancouver, Canada, carico non di prodotti esotici o particolari bensì di 50.000 tonnellate di grano, proprio quando nella nostra penisola cominciano le mietiture.
Coincidenza?

I contadini denunciano il fatto che all’insaputa dei consumatori un pacco di penne e spaghetti su tre non è fatto con grano italiano.
300.000 imprese agricole a rischio e due milioni di ettari piantati a frumento corrono il pericolo di non essere più coltivate nei prossimi anni progressivamente.

Questo significa forse due milioni di posti di lavoro in meno, chiusura di imprese agricole e il ritorno della miseria nelle campagne dopo anni di ritorno alle campagne e una discreta ripresa.

I coltivatori e le associazioni di categoria dicono che il prezzo corrisposto è ridicolo: con tre chili di prodotto venduti non si paga nemmeno un caffè’ al bar.

Le aziende produttrici di pasta affermano che non è importante da dove provenga il grano e poi comunque l’Italia non ne produce a sufficienza per il fabbisogno nazionale.

Non è assolutamente un buon motivo per ramazzare in giro per il pianeta tutto quello che si può trovare per produrre pasta in ogni modo.
Perché non potenziare le imprese agricole italiane e incentivarle cominciando ad esempio con semplificare le pratiche burocratiche?

Bisogna chiedersi di che qualità e salubrità sia questo grano importato che fra l’altro ha un anno di vita e se non sia stato frammischiato con prodotto derivato da OGM, che in Italia è tassativamente vietato.

Altro problema è la definizione della etichettatura che data la tracciabilità permette di identificare la provenienza: non è stata ancora completata la procedura.

Siamo quindi di fronte ad una moderna battaglia del grano che non bisogna assolutamente perdere, ma ho la brutta impressione che nemmeno in questa importantissima occasione l’esecutivo sarà in grado di mettere in campo, è proprio il caso di dire così, a questo governo “una strategia vincente”.
Umberto Faedi

About The Author

Umberto Faedi

Vicedirettore

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi