Ancora  un grande successo di Soave Versus 2018 i numeri parlano

Ancora un grande successo di Soave Versus 2018 i numeri parlano

Print Friendly, PDF & Email

Più di tremila presenze per la 18^ edizione della manifestazione con protagonista il Soave. Ben 54 aziende in rappresentanza di quasi il 90 per cento della denominazione. Carlo Pagano dal Molise è stato incoronato miglior sommelier del Soave.

Si è conclusa la 18^ edizione del Soave Versus, il festival dedicato alle migliori interpretazioni del bianco veronese più conosciuto al mondo. Ancora una volta un successo per la partecipazione di aziende (54), che rappresentano quasi il 90 per cento della denominazione, e più di tremila presenze che hanno affollato il Palazzo della Gran Guardia nei giorni dedicati al vino Soave.

 

L’evento, curato dal Consorzio del Soave in collaborazione con la Strada del Vino, è stato supportato da Agsm, Banco Popolare di Verona, Camera di Commercio di Verona e ha ottenuto il patrocinio di comune di Verona e Regione Veneto. Tra gli aspetti più significativi di questa edizione: il rapporto tra la ristorazione veronese e il Soave, il trofeo del miglior Sommelier del Soave, i 50 anni della denominazione, le sfide attuali e future di tutela del paesaggio e dei viticoltori, i cooking show con food blogger e grandi chef.

“E’ stato un Soave Versus che ha visto tanti giovani venire ad assaggiare il nostro vino con curiosità – spiega Patrizia Niero, vicepresidente del Consorzio – e giovani sono anche i produttori che presentavano il proprio prodotto, segno di un rinnovamento che porta a ben sperare per il futuro di questa piccola ma tenace denominazione”. Al Soave Versus protagonista il Soave in tutte le sue declinazioni, un modo per fare il punto sulle sfide della denominazione, un confronto tra le anime di questo territorio, delle sue colline e del suo terroir.

 

La manifestazione si è conclusa con la nomina del miglior sommelier del Soave, che per un anno diventerà il brand ambassador della denominazione. Carlo Pagano, titolare dell’Osteria Molisana a Isernia, ha vinto sbaragliando la concorrenza di altri 10 agguerriti sommelier arrivati da tutta Italia, dalla Puglia all’Emilia Romagna. Premio della giuria dei produttori al miglior comunicatore del Soave invece a Marco Casadei, sommelier di Forlì.

 

In occasione del Soave Versus, la redazione di Egnews ha presentato “Il Vino per tutti” la nuova guida on-line, accompagnata al suo esordio pubblico dalla presenza del sottosegretario al ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Franco Manzato, dal Deputato e Sindaco di Roncà Roberto Turri, oltre alla vice Presidente Consorzio Tutela Vini Soave, Patrizia Niero. La Guida nell’occasione ha premiato i migliori vini 2018 del Triveneto assegnando le Clessidre d’Oro, dove la parte del leone l’ha fatta il Soave aggiudicandosene 11, seguito con 5 affermazioni dal Prosecco di Valdobbiadene. Le altre provenienze da Friuli e  Trentino, tra cui hanno trovato posto anche i vini spumantizzati.

Tra le eccellenze della tavola scaligera presenti al Soave Versus, il Tortello di zucca con carpaccio di Monte Veronese e fagioli di Lamon di Nadia Pasquali del ristorante “La Borsa” di Valeggio e il piatto a base di Recioto di Soave e il “biso de Colognola” di Matteo Zanardi de “Ai Beati” di Garda. Appuntamento all’edizione 2019 e intanto è cominciata la vendemmia.

 

 

About The Author

Related posts