Vini e Ristorazione

Tre secoli di vino eccellente

tre secoli di vino in Toscana grazie al Granduca Cosimo III de'Medici
tre secoli di vino in Toscana grazie al Granduca Cosimo III de’Medici

Quattro zone della Toscana indicate come aree di produzione del vino: Chianti Classico, Pomino/Chianti Rufina, Valdarno di Sopra e Carmignano. Fu il Granduca di Toscana Cosimo III ad indicare  con un bando le quattro zone del territorio toscano vocate alla produzione di vini di pregio.
Granduchi illuminati quelli di Toscana che “videro” lungo e anche in questo caso seppero dare un aiuto alla Toscana produttiva. Era il 1716 e ora dopo 300 anni si festeggia del 24 settembre in cui data l’editto. In realtà fu preceduto da un altro bando del 18 luglio dove si regolava  il commercio interno e “il navigare”.

Il 24 settembre 2016 nel Salone dei 500 in Palazzo Vecchio a Firenze dalle ore 10.30,  per onorare la data,  si svolgerà un evento per “raccontare” questi 300 anni.  Il prof. Zefiro Ciuffoletti dell’Università di Firenze e  Accademico dei Georgofili farà l’introduzione storica “Terre, Uve e Vini di Toscana: a tre secoli dai bandi di Cosimo III de’Medici”.

A seguire un talk show condotto da Nicola Porro che vedrà protagonisti i presindenti dei quattro Consorzi: Sergio Zingarelli del Chianti Classico, Fabrizio Pratesi del Carmignano, Federico Giuntini Antinori del Chianti Rufina/Pomino, Luca Santjast (Valdarno Superiore) insieme a Barbara Philip MW, Category Manager Liquor Stores BC, Jeff Porter, Beverage Director Gruppo Bastianich US, Rodrigo Cipriani Foresio, Manging Director Alibaba, Lorenzo Bini Smaghi, Presidente ChiantiBanca.

La giornata proseguirà con altri festeggiamenti tradizionali che quest’anno  coincidono con il 24 settembre come la secolare l’offerta di vino che il comune di Rufina fa al Sindaco di Firenze con benedizione del vino e il famoso “carro Matto” fatto di oltre 1500 fiaschi di vino. (leggi qui)

Tre secoli di vino che già dall’inizio del 2016 sono stati ricordati in tutti gli eventi che la Toscana ha messo in campo perchè la lungimiranza del Granduca ha portato la Toscana ad essere una delle zone di produzione più conosciute e ricercarte al mondo.

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button