Punti di Vista

Tradizione, animalismo, ecologismo: a Pasqua il solito problema ma quest’anno qualcosa in più

Nel nuovo Millennio, ogni volta si avvicina la Pasqua, ci si trova trascinati e coinvolti nel vortice mediatico attivato da vari movimenti ecologisti per bandire l’agnello dalle tavole della Festa, ma quest’anno c’è qualcosa di più.

Si è mossa Greta, la sedicenne svedese Greta Thumberg, convinta vegana da imporre il veganismo ai suoi genitori, e dietro a lei uno stuolo di ribelli alle condizioni climatiche del nostro pianeta imputate ai governi di tutti i Paesi del mondo.
Gli ecologisti sono alleati agli animalisti quando si tratta di avversare il consumismo e soprattutto lo sfruttamento degli allevamenti intensivi che scaricano nell’atmosfera i peggiori effluvi, aggiunti agli effetti inquinanti dello sviluppo industriale.

Certamente restiamo stravolti dai reportage sugli allevamenti degli animali da macello, che mettono in evidenza le «bestialità» degli umani nel trattamento degli animali in loro custodia. Ci fanno vedere le più disgustose stalle e le più raccapriccianti immagini della soppressione di agnelli, tanto che in molte famiglie la tradizione pasquale viene contestata e il menu della Festa rivoluzionato. E altrettanto anche il menu in ristorante è sempre più «lamb free».

La tradizione di consumare l’agnello per Pasqua deriva dalla Festa ebraica del “pessach” che vuole ricordare la liberazione dalla schiavitù in Egitto con il passaggio del Mar Rosso ed è il simbolo di sacrificio per eccellenza, donando a Dio ciò che si possedeva di più prezioso. La religione cristiana ha ripreso la sacralità del rituale, associando all’agnello il sacrificio di Gesù che si è lasciato immolare sulla croce.

Al di là di ogni credenza, religiosa od ecologica, e di ogni gusto personale, pare ormai accertato che siamo nel pieno di un’epoca in cui tutte le tradizioni sono disattese, in nome di un senso di libertà di pensiero in cui le minoranze dominano la politica, estendendo la sensazione ad altre situazioni che spadroneggiano.

Nonostante le nostre opinioni, auguriamo a tutti i lettori i migliori Auguri di trascorrere nel migliore dei modi questa Festa.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button