Info & Viaggi

Tra il valico e il mare

Dall’alto del Valico di Chiunzi, passo dei Monti Lattari che collega l’Agro-Nocerino-Sarnese con la Costiera Amalfitana, fa una certa impressione la vista della immensa distesa di case, strade e bretelle autostradali, che a valle si estendono a macchia d’olio fino al Golfo di Castellammare di Stabia.

Oltrepassato il valico la ricca vegetazione abbraccia Tramonti con i suoi tredici borghi di case basse, comignoli fumanti e viuzze che si spartiscono piccoli appezzamenti di terra.

 

Non posso sottrarmi dal prendere la fotocamera e fare qualche scatto, meritano le bellissime terrazze di terra coltivate a viti che scendono lungo i pendii, i folti boschi di castagne che segnano le alture come merletti e il gregge che in una rientranza sul fianco della montagna, incuriosito si distoglie dal suo brucare.

 

Quassù, le zolle di terra strappate alla roccia sono ricche di minerali e pomici provenienti dalle eruzioni del Vesuvio, componenti che le rendono particolarmente preziose per la viticoltura. E’ grazie a questo che antichi vitigni sono sopravvissuti alla fillossera divenendo oggi ultra centenari a testimoniare le loro origini, sono il Tintore, il Piedirosso, la Pepella, la Ginestra e altri che hanno conquistato la DOC sotto la denominazione Costa d’Amalfi, con le tre sottozone di Furore, Ravello e Tramonti.

 

Qui sono poche le aziende vitivinicole, ma tutte fanno qualità, come appunto Tenuta San Francesco che è nata nel 2004 dalla volontà delle famiglie Bove, D’Avino e Giordano, certe delle peculiarità della loro terra misero insieme 10 ettari e da subito utilizzando tecniche moderne nel rispetto della natura, hanno imbottigliato vini talentuosi.

 

Ben sei ettari di Tenuta San Francesco sono completamente pre-fillossera, quindi piante centenarie allevate a pergola e per l’80 % a bacca rossa, uno spettacolo unico che merita questa passeggiata tra le viti.

 

Sia i rossi che i bianchi sono molto interessanti, uno di questi è il “perEva” Costa d’Amalfi Tramonti bianco, blend da uve Falanghina, Ginestra e Pepella, profumi intensi e gentili, al palato persistente in una godibile freschezza e sapidità che si equilibra alla spinta alcolica, un vino elegante e piacevole.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button