Notizie Italiane

The Queen of Taste, parata di stelle a Cortina

Due giorni di alta cucina a Cortina d’Ampezzo nel weekend dell’11 e 12 settembre.

Con una formula rivista a causa della pandemia, è andata in scena la 5’ edizione del «The Queen of Taste», confermando l’evento, uno dei più prestigiosi della stagione ampezzana.
Ad aprire la kermesse «StrEat Chef», sabato 11 settembre, iniziato con l’aperitivo nella piazza principale. Si è scelto poi di creare piccoli gruppi, suddivisi in 4 navette, messe a disposizione da Cortina Express, alternando gli ospiti nelle quattro location scelte, guidandoli in un itinerario enogastronomico di alto livello.
Gli chef resident delle 4 location scelte, Baita Fraina, Villa Oretta, Lago Scin, Al Camin, hanno ognuno ospitato due nomi dell’alta cucina italiana per un totale di 13 professionisti e 15 portate, ovviamente di grande prestigio:
  • Fabio Pompanin (Ristorante Al Camin),
  • Marco Talamini (La Torre del Castello di Spilimbergo),
  • Alessandro Bellingeri (Osteria Acquarol),
  • Luca Menardi (Baita Fraina),
  • Nicola Bellodis (Ristorante Rio Gere),
  • Fabio Groppi (Chef consultant),
  • Luigino Anzanello (Villa Oretta),
  • Graziano Prest (Ristorante Tivoli),
  • Andrea Irsara (Stüa dla Lâ),
  • Carlo Festini (Lago Scin),
  • Luigi Dariz (ristorante da Aurelio),
  • Claudio Melis (In Viaggio),
  • Massimo Alverà (Pasticceria Alverà)
  • Denis Dianin (Maestro pasticciere d&g patisserie Hotel Biri Padova).
Piatti innovativi ed originali come ci si aspetta dall’alta cucina, destinati ad ispirare le tendenze del futuro, accompagnate dai vini bianchi della cantina Kettmeir e dai Rossi del Consorzio Tutela Valpolicella.
Stars della serata, Graziano Prest del ristorante Tivoli e Fabio Pompanin del Al Camin, reduci dall’avventura di olimpica di Tokyo dove insieme hanno cucinato per i nostri atleti al ristorante Casa Italia. Entusiasti per la bellissima esperienza e per le tante medaglie vinte dai nostri sportivi.
La serata si è poi conclusa in dolcezzaalla pasticceria Alverà, sempre a Cortina, per degustare la deliziosa mousse al cioccolato di Massimo Alverà ed lo squisito cremoso al cioccolato e caramello di Denis Dianin.
Domenica 12 è stata la volta di «StrEat Lunch», a tutti gli effetti il pranzo più cool di Cortina.
In una piazza tirata a festa, 5 portate,  preparate a vista da 5 dei più quotati chef del panorama culinario nazionale (e non solo), con un servizio impeccabile e una brigata di sommelier a servire il vino. Piatti che hanno deliziato e stupito i numerosi ospiti che hanno avuto la fortuna di  partecipare all’evento.
Una elegantissima mise en place ha fatto da cornice alle meravigliose portate che si sono susseguite dopo l’aperitivo in piedi.
Lionello Cera, dell’Antica Osteria Cera; Renzo Dal Farra della Locanda San Lorenzo; Chris Oberhammer del Tilia; Giancarlo Perbellini di Casa Perbellini e Alessandro Breda del Gellius hanno lavorato in team per deliziare gli ospiti arrivati da ogni dove con i loro originali piatti.
Organizzato da Corina for Us, con il patrocinio del comune di Cortina d’Ampezzo m, The Queen of Taste ha visto collaborare insieme tutte le forze del territorio nell’obiettivo comune di valorizzare uno dei luoghi più belli della nostra nazione, definita a ragione la Regina delle Dolomiti.
Una ripartenza in grande stile dopo il periodo difficile vissuto negli ultimi anni, un viaggio incredibile tra le stelle del firmamento culinario, che ha gettato le basi per una sesta edizione ancor più ricca e speciale.
Qui il menù completo della

The Queen of Taste, parata di stelle a Cortina
Due giorni di alta cucina a Cortina d’Ampezzo nel weekend dell’11 e 12 settembre. Con una formula rivista a causa della pandemia, è andata in scena la 5’ edizione del «The Queen of Taste», confermando l’evento, uno dei più prestigiosi della stagione ampezzana.
Ad aprire la kermesse «StrEat Chef», sabato 11 settembre, iniziato con l’aperitivo nella piazza principale. Si è scelto poi di creare piccoli gruppi, suddivisi in 4 navette, messe a disposizione da Cortina Express, alternando gli ospiti nelle quattro location scelte, guidandoli in un itinerario enogastronomico di alto livello.
Gli chef resident delle 4 location scelte, Baita Fraina, Villa Oretta, Lago Scin, Al Camin, hanno ognuno ospitato due nomi dell’alta cucina italiana per un totale di 13 professionisti e 15 portate, ovviamente di grande prestigio:
  • Fabio Pompanin (Ristorante Al Camin),
  • Marco Talamini (La Torre del Castello di Spilimbergo),
  • Alessandro Bellingeri (Osteria Acquarol),
  • Luca Menardi (Baita Fraina),
  • Nicola Bellodis (Ristorante Rio Gere),
  • Fabio Groppi (Chef consultant),
  • Luigino Anzanello (Villa Oretta),
  • Graziano Prest (Ristorante Tivoli),
  • Andrea Irsara (Stüa dla Lâ),
  • Carlo Festini (Lago Scin),
  • Luigi Dariz (ristorante da Aurelio),
  • Claudio Melis (In Viaggio),
  • Massimo Alverà (Pasticceria Alverà)
  • Denis Dianin (Maestro pasticciere d&g patisserie Hotel Biri Padova).
Piatti innovativi ed originali come ci si aspetta dall’alta cucina, destinati ad ispirare le tendenze del futuro, accompagnate dai vini bianchi della cantina Kettmeir e dai Rossi del Consorzio Tutela Valpolicella.
Stars della serata, Graziano Prest del ristorante Tivoli e Fabio Pompanin del Al Camin, reduci dall’avventura di olimpica di Tokyo dove insieme hanno cucinato per i nostri atleti al ristorante Casa Italia. Entusiasti per la bellissima esperienza e per le tante medaglie vinte dai nostri sportivi.
La serata si è poi conclusa in dolcezzaalla pasticceria Alverà, sempre a Cortina, per degustare la deliziosa mousse al cioccolato di Massimo Alverà ed lo squisito cremoso al cioccolato e caramello di Denis Dianin.
Domenica 12 è stata la volta di «StrEat Lunch», a tutti gli effetti il pranzo più cool di Cortina.
In una piazza tirata a festa, 5 portate,  preparate a vista da 5 dei più quotati chef del panorama culinario nazionale (e non solo), con un servizio impeccabile e una brigata di sommelier a servire il vino. Piatti che hanno deliziato e stupito i numerosi ospiti che hanno avuto la fortuna di  partecipare all’evento.
Una elegantissima mise en place ha fatto da cornice alle meravigliose portate che si sono susseguite dopo l’aperitivo in piedi.
Lionello Cera, dell’Antica Osteria Cera; Renzo Dal Farra della Locanda San Lorenzo; Chris Oberhammer del Tilia; Giancarlo Perbellini di Casa Perbellini e Alessandro Breda del Gellius hanno lavorato in team per deliziare gli ospiti arrivati da ogni dove con i loro originali piatti.
Organizzato da Corina for Us, con il patrocinio del comune di Cortina d’Ampezzo m, The Queen of Taste ha visto collaborare insieme tutte le forze del territorio nell’obiettivo comune di valorizzare uno dei luoghi più belli della nostra nazione, definita a ragione la Regina delle Dolomiti.
Una ripartenza in grande stile dopo il periodo difficile vissuto negli ultimi anni, un viaggio incredibile tra le stelle del firmamento culinario, che ha gettato le basi per una sesta edizione ancor più ricca e speciale.
Qui il menù completo della serata

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button