Tabula Cortonensis

Tabula Cortonensis

Print Friendly, PDF & Email

Agli etruschi il vino piaceva. E lo coltivavano con attenzione. Ovviamente non era come il vino che siamo abituati a bere oggi ma c’era comunque un giro di interessi. Il primo atto notarile della storia del vino è la “tabula Cortonensis” del II secolo a.C.. Il documento, che sarà in mostra a Verona dal 12 aprile al 16 agosto 2015, è uno dei più importanti giunti fino a noi.

Nella tavola si evidenzia che il vino era uno “status”, rappresentava ricchezza, e si dettagliano misure dei terreni ceduti e delle viti presenti. Si legge che Petru Scevas  cede dei terreni pregiati a vigna ai Cusu, figli di Laris.
Il Palazzo della Gran Guardia aprirà la mostra “Arte e vino” con la Tabula Cortonensis, un evento legato Expo che vedrà la magnifica città di Cortona portare a Verona la sua storia legata in modo indissolubile al vino.

Il Maec, il Museo dell’Accademia etrusca e della città di Cortona,  ha infatti predisposto per questa esposizione altre opere oltre alla Tabula. Tra queste anche una Oinochoe e un calice in bucchero del VI sec. a.C. oltre al Miracolo di San Benedetto, un olio su tela di Baccio Ciarpi 1610 d.C..
Arte e vino, un matrimonio di cui si parla sempre di più e dove Cortona non può essere la migliore ambasciatrice.  E il pubblico sembra apprezzare, come dimostra il successo dell’iniziativa lanciata al Vinitaly , il concorso fotografico lanciato dal Consorzio Vini Cortona, con protagonista Selvans, divinità etrusca custodita al Maec.

Roberta Capanni

 

 

Roberta Capanni

About The Author

Sonia Biasin

Wine Writer, Diplomata sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Related posts

1 Comment

  1. Pingback: Tabula Cortonensis

Comments are closed.