Punti di Vista

Stranezze da Belpaese

L’assessore al Commercio del comune di Milano in vista dell’Expo 2015 vuole eliminare il coperto dal menu dei ristoranti, segnalando con un bollino di qualità gli esercizi virtuosi. Perché solo nel capoluogo meneghino? E nel resto dell’Italia come la mettiamo?

Certo che siamo un Paese strano! Ogni tanto qualcuno si sveglia e scopre l’uovo di Colombo: solo in Italia si fa pagare il coperto nei ristoranti e i turisti non comprendono questo balzello. Qual è la novità? E’ stato sempre così! Non ce ne eravamo accorti?

 

E poi c’è la voce servizio, che assieme al coperto risulta dei retaggi medievali, tasse da corporazione, che non trovano più alcuna giustificazione ai nostri giorni. Sono solo questi le insensatezze della ristorazione italiana? Magari! E i ricarichi esagerati sui prezzi dei vini, anche oltre quattro volte il costo di acquisto della bottiglia? E l’indicazione sui menu “in mancanza di cibi freschi, saranno serviti quelli surgelati”? Se andiamo avanti, la lista delle assurdità diventa infinita.

 

E’ venuto il momento di far cessare questo “far west”, stabilendo delle regole chiare che possano valere per tutti. Il legislatore deve farsi carico del problema ristorazione nel nostro Paese e risolverlo con competenza. Anche le associazioni di categoria devono intervenire per mettere ordine.

 

E’ semplicistico dire che ogni cliente è libero di scegliere il ristorante che vuole; è anche un problema di qualità che deve essere garantito, poiché oggi il mangiar fuori, prima che un piacere è diventato una necessità. Non ci può essere più spazio per l’improvvisazione.

 

La libertà imprenditoriale non può travolgere la sicurezza alimentare, la trasparenza e la chiarezza nei confronti dei clienti. Chi non accetta determinate regole, deve rimanere fuori dalla ristorazione, perché altrimenti il danno diventa incalcolabile!


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button