Punti di Vista

Siccità prolungata e invasi, problema per l’agricoltura

La siccità è un dramma per l’agricoltura, ma anche la raccolta dell’acqua piovana è un problema. Adesso è piovuto abbastanza e pure sta nevicando in montagna, che si fa di questa grazia di Dio?

Si provvede a costruire un maggior numero di bacini o vasche o comunque potenziare qualche tipo di invaso per raccogliere l’acqua da usare nei tempi di siccità?

 

Signori politici e amministratori della cosa pubblica, avete un piano?

O, per risparmiare l’utilizzo, dobbiamo noi cittadini a continuare mettere in pratica le recenti raccomandazioni: lavarci non troppo spesso e con poca acqua, piatti a mano e non in lavastoviglie, lavatrice a carico pienissimo, e quant’altro, a nostro ulteriore sacrificio?

È ben vero che le aziende agricole possono stipulare polizze assicurative agevolate per proteggere le proprie coltivazioni da fenomeni atmosferici catastrofici imprevisti e imprevedibili, come ad esempio sistemare coperture a protezione dalla grandine. Ovviamente sborsando di persona.
E chi compensa la perdita dei raccolti ortofrutticoli a causa della siccità?

Non dobbiamo nemmeno ignorare il dramma del settore zootecnico.
Senza abbeverarsi le mucche non producono il latte, e le bovine da latte assumono anche 20 litri d’acqua alla volta per 7-12 volte al giorno.

Inoltre è ben vero che la rete idrica nazionale è un colabrodo e noi paghiamo anche l’acqua che va persa. Ma chi deve provvedere?

 

I cicli storici si ripetono anche rispetto al clima

Non cadete dal seggiolone, non fate gli ignoranti, la teoria dei cicli e ricicli va accettata.

Bisogna accettare i cambiamenti climatici, bisogna tener conto che le zone cosiddette “temperate” della Terra si stanno nuovamente riscaldando (dopo la “piccola glaciazione” durata dall’anno Mille fino a circa a metà dell’Ottocento).
E dobbiamo, pertanto, anche sapere che il crescente aumento delle temperature, unitamente alla maggiore evaporazione delle superfici acquee, produrrà sempre più estesi fenomeni siccitosi.

Non sono sufficienti i grossi temporali – del resto sempre più violenti, nubifragi, quasi dei tornado con bombe d’acqua repentine e fortunatamente di breve durata – a fornire al terreno l’umidità necessaria.

È sensato correre ai ripari e gestire la disponibilità di risorsa idrica, giacché particolarmente a rischio è tutta la filiera alimentare.

Come interviene lo Stato, e quando?

Oh, sì, certo, qualche Regione, dopo la crisi d’acqua di questa primavera, ha provveduto a istituire bandi a sostegno di agricoltori (in possesso di un bel po’ di precisi requisiti) che investono/investiranno in opere di raccolta e stoccaggio delle acque pluviali da destinare ad uso irriguo aziendale.

In pratica il Governo scarica sui singoli e sulle amministrazioni locali le spese, e la responsabilità, della realizzazione di invasi/vasche/serbatoi.

Burocrazia permettendo, visto che i bandi necessitano di una caterva di scartoffie e di passaggi amministrativi, pertanto un’eternità di lungaggini anche per l’approvazione dei progetti.
Forse tra 5 anni arriveranno i permessi e qualche altro annetto per efficientare gli impianti.

Era ancora in carica Patuanelli quando in un’informativa alla Camera (13.07.2022) concluse il suo lungo discorso con queste parole: «La criticità ci costringe a fare più che parlare».
E poi i soliti “stiamo cercando di accelerare…”, “rendere disponibile la risorsa che c’è”, “consapevoli del fatto che”. .. Insomma “ci stiamo lavorando”.

E intanto si comincia dai baracconi mangia soldi, tipo Commissioni e Commissari, Programma di sviluppo, Fondo per lo sviluppo, Fondo per il rilancio, Studi di impatto sostenibile, studi di fattibilità …
Ah, dimenticavo c’è anche il Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC) e pure una speciale sezione nel PNRR.

Il tutto rimandato a questa nuova legislatura, che ha due ministeri ad hoc: ministri dell’Ambiente e della sicurezza energetica, e dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste.
E questi che intendono fare?
Speriamo non si mettano a dar retta a certe organizzazioni, che mirano più a tutelare la Natura che gli Umani. E poi non dicono niente sullo scempio delle campagne per posizionare chilometri quadrati di pannelli solari.

È urgente trovare una soluzione equilibrata

Prima di tutto sfruttare quei canali di accumulo che i nostri antenati avevano realizzato e che si vedono ancora lungo i campi coltivati, rimettere in sesto quei piccoli specchi d’acqua, in mezzo a paesaggi incolti e che stanno andando in deperimento non tanto per mancanza idrica ma per incuria con imputridimento.

In alcune zone questi laghetti, se curati e protetti, potrebbero anche avere finalità turistiche, inseriti nel paesaggio.

 

Costruire riserve idriche è indispensabile non solo per l’uso agricolo, industriale o civile, bensì anche antincendio, e Dio sa se quest’estate con le migliaia di boschi incendiati non ce n’era bisogno!

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button