Tribuna

Sealogy il grido d’allarme dei pescatori

Sealogy il grido d'allarme dei pescatori

Sealogy Mancava in Emilia-Romagna un’iniziativa specifica dedicata al mare.

Ci ha pensato Ferrara Fiere anche se il travaglio, a causa del Covid che ha iniziato a colpire pochi giorni prima dal preannunciato avvio di Sealogy, ha causato non pochi problemi.

Un punto d’incontro per enti, associazioni, Consorzi, cooperative, addetti ai lavori e pescatori i quali hanno.lanciato il loro grido d’allarme. ” Con tutte queste restrizioni non ce la facciamo piu’ – sostiene Giancarlo Cevoli, presidente della Cooperativa riminese Lavoratori del Mare – l’Unione Europea e la direzione generale della pesca del Ministero vogliono farci smettere.

Sealogy il grido d’allarme dei pescatori

C’e’ troppa burocrazia.
Lo sapete che una barca ha 19 registri da tenere in regola. Cosi’ non si può più tirate avanti.

Ci vengono raccontate un sacco di balle del tipo che in mare non c’è più pesce. Chi dice questo evidentemente il mare lo ha visto solamente in cartolina”.

Sealogy il grido d’allarme dei pescatori

Intanto oggi si chiude la tre giorni di questa incoraggiante prima edizione.

Ancora incontri  dibattiti, show cooking, degustazioni negli stand del Mipaaf e della Regione Emilia Romagna.

Un viaggio anche alla scoperta dei prodotti e delle tradizioni del nostro mare con seminari, dibattiti ma anche cooking show dedicati ai prodotti principe dell’adriatico.

 

Sealogy il grido d’allarme dei pescatori

 

Mantenendo attenzione alla tutela e salvaguardia delle tradizioni gastronomiche locali. Ancora le attività di animazione e intrattenimento dislocate nei diversi padiglioni: La “piazza mare”, un luogo di incontro e di intrattenimento che ospiterà i “Blue Talk”.

Quattro appuntamenti giornalieri fissi, con brevi incontri dove i conduttori “blue speaker” che si alterneranno – i giornalisti Domenico Letizia e Francesco Selvi, Alberto Monachesi di Tipicità in blu e Linda Caffarri di Legacoop Agroalimentare – intratterranno e dialogheranno con i propri ospiti: aziende presenti in fiera, stakeholders, iniziative pubbliche, private o innovazioni blu.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button