Tribuna

Sarà un Capodanno senza Champagne?

Sarà un Capodanno senza Champagne?

Sarà un Capodanno senza Champagne?

Scorte esaurite in vista delle prossime festività. Il motivo principale è la forte richiesta da parte degli Stati Uniti.

Philippe Schaus, amministratore delegato di Moët Hennessy, la divisione vini e alcolici di Lvmh (Louis Vuitton Moët Hennessy)

Gli americani approfittano del cambio favorevole dollaro-euro per acquistare le bottiglie più blasonate.

 
 
Il pianeta “bollicine” sta vivendo un momento magico.
Dopo il fenomeno Prosecco (750 milioni di bottiglie) e dopo il boom degli spumanti italiani metodo classico con l’exploit del Piemonte (70 milioni di bottiglie), della Lombardia (21 milioni), del Trentodoc (12 milioni).
Oggi gli onori della cronaca spettano allo Champagne (322 milioni di bottiglie) che, alla faccia della crisi economica, dell’inflazione a doppia cifra e della guerra alle porte di casa, ha già esaurito le scorte in occasione delle ormai imminenti festività natalizie. 
 

Sarà un Capodanno senza Moët & Chandon, Krug e Dom Pérignon?

 
champagne Moet

Sarà un Capodanno senza lo Champagne?

Sembra proprio di sì stando almeno a quanto ha dichiarato, il colosso francese nato nel 1987 dalla fusione tra le imprese Louis Vuitton, uno dei grandi marchi della moda, e Moët Hennessy, specializzata in vini e alcolici.
Philippe Schaus, responsabile amministrativo di alcuni dei marchi più prestigiosi (Veuve Clicquot, Dom Pérignon, Ruinart, Krug, Moët & Chandon), ha affermato che le “maison” poc’anzi citate rischiano di esaurire le scorte degli Champagne prima di Natale.
La dichiarazione, rilasciata a Bloomberg TV nell’intervista al “New Economy Forum” di Singapore, ha fatto il giro del mondo.
Il motivo principale è la forte richiesta da parte degli Stati Uniti: gli americani approfittano del dollaro forte (scambiato alla pari con l’euro) per accaparrarsi le bottiglie di Champagne disponibili sul mercato, anche le più blasonate e costose.
 

Il paragone con i ruggenti anni Venti del Novecento

 
Lvmh, la più grande società quotata in Francia, ha beneficiato dell’euro debole rispetto al dollaro Usa, per cui i suoi prodotti sono più economici in termini reali con grande soddisfazione dei wine lover americani.
Ma c’è un altro motivo: le lunghe restrizioni imposte dalla pandemia in tutto il mondo fanno emergere un desiderio sempre più forte di divertimento, lusso e viaggi.
Per il Ceo del gruppo LVMH questo periodo storico è addirittura paragonabile ai ruggenti Anni Venti del Novecento, un’epoca di vertiginosa crescita economica, ma anche di grandi festeggiamenti, oltre che di consumi abnormi di alcolici. 

 

Nonostante la guerra e l’inflazione il mercato del lusso non conosce crisi

 
La guerra e l’inflazione non sembrano dunque fermare il mercato del lusso. Schaus ha comunque affermato che il problema delle scorte di Champagne dovrebbe risolversi entro i primi mesi del prossimo anno, anche se i costi dei prodotti subiranno inevitabilmente dei rincari, in certi casi anche importanti.
In alto i calici. Prosit! (GIUSEPPE CASAGRANDE)

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button