Tribuna

Salvare le api per salvare la biodiversità

Ritorna periodicamente in primavera l’allarme sulla sopravvivenza delle api e in concomitanza la lotta ai pesticidi, in particolare nell’occasione della Giornata Mondiale della Terra.

L’uso non controllato dei pesticidi, nella pratica agricola come antiparassitari, come pure i diserbanti o erbicidi al glisofato utilizzato anche nelle zone cittadine, sono una minaccia per gli impollinatori e per la nostra salute.

Numerose pubblicazioni scientifiche dimostrano la pericolosità per la salute umana di molte sostanze impiegate in agricoltura.
Come del resto, è ben vero che da diversi d’anni gli stessi apicoltori lamentano morie di api con perdite dei loro prodotti d’alveare, e di conseguenza del fatturato d’impresa.

Certamente l’impollinazione è uno dei servizi ecosistemici più importanti forniti dalla natura per l’alimentazione umana e con risvolti sull’economia, come ricorda sempre il WWF.
Il rischio di loro estinzione non è da sottovalutare, in quanto strettamente legata alla sicurezza alimentare.
I difensori delle api e degli altri impollinatori continuano a lanciare l’allarme avendo calcolato che su scala globale più del 40% delle specie di impollinatori invertebrati rischia di scomparire.

La loro sistematica moria rappresenta un grave pericolo perché 71 delle 100 colture più importanti al mondo si riproducono grazie all’impollinazione, e almeno 95 specie di frutta e verdura.
In Italia, circa il 12% del valore della produzione di mele, pere e pesche dipende dall’impollinazione, non solo da parte di api mellifere o solitarie, ma anche da vespe, farfalle, coleotteri, e non solo.
Da questi insetti dipende il 35% della produzione agricola mondiale, con un valore economico stimato ogni anno di oltre 153 miliardi di euro a livello globale e 22 miliardi di euro in Europa.

L’Italia è l’unico paese al mondo che può vantare oltre 60 diverse tipologie di mieli, alcuni dei quali unici, e non ripetibili, proprio in virtù della loro esclusività territoriale.

Parlare di impollinatori significa parlare di biodiversità e di agricoltura sostenibile.

Come non ricordare la profezia di Albert Einstein “Quando spariranno le api all’umanità resteranno quattro anni di vita”.
E certo non ci saranno vaccini che tengano.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button