Punti di Vista

Ristorazione, fase due quando e come?

L’emergenza coronavirus ha messo in ginocchio il settore enogastronomico probabilmente più degli altri, anche grazie alle misure più restrittive messe in campo da molti governatori di regioni. Adesso preoccupa la ripartenza.

 

La ristorazione è il settore dell’economia più direttamente colpito dall’emergenza sanitaria. Adesso riaccendere i fornelli per l’avvio della fase due preoccupa molto il settore. Sicuramente la ripresa dovrà essere fatta in sicurezza, anche se il governo ha indicato il settore della ristorazione a rischio medio e non alto.

 

Che vuol dire? Forse che la chiusura totale di bar, ristoranti e pizzerie è stata una misura eccessivamente drastica, ancor più per le misure più restrittive messe in campo da molti governatori di regioni, come vietare il food delivery. Credo che più il quando della ripartenza, preoccupi il come si dovrà ripartire, quali misure di sicurezza anti-contagio dovranno essere adottare.

 

Sicuramente il rispetto del distanziamento sociale (definizione che angoscia!), ossia si dovrà mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro. Già questa misura, forse la più banale, rischia da sola di dimezzare i coperti e il fatturato dei vari esercizi, in più se ne aggiungeranno molte altre misure nelle cucine per i lavoratori che rischiano di far lievitare i costi.

 

Allora forse se la taske force (altra definizione angosciante), deciderà tutta una serie di vincoli per la sicurezza, è probabile che più che il quando e il come della ripartenza, preoccupa il chi ripartirà. Molti locali rischiano la chiusura definitiva, con un danno economico ulteriore per tutti.

 

Allora? Ricordo sempre che il settore della ristorazione ha una classe di rischio medio e devono essere prese in considerazione le molte variabili che possono riguardare i singoli esercizi. Detto questo, credo che se non ci sarà un aiuto economico concreto dello Stato nei confronti del settore della ristorazione il futuro non sarà roseo.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button