Info & Viaggi

Record storico per l’export dei vini italiani e per le regioni vinicole

Record storico per l'export dei vini italiani e per le regioni vinicole

Record storico per l’export dei vini italiani e per le regioni vinicole

Il 2021 si è concluso con una crescita in valore delle esportazioni del 12,4 % per i vini italiani. 

A livello di numeri corrisponde a 7,1 miliardi di euro per un attivo commerciale di 6,7 miliardi. 

Il 2021 è stato un anno fortemente condizionato dalla pandemia ma anche dalle spese di rivalsa. 

Sono stati 22,2 i milioni di ettolitri esportati con un implemento del 7,3 %. 

Record storico per l’export dei vini italiani

Le produzioni DOP hanno visto una crescita in valore del 15,8 % e gli spumanti addirittura raddoppiano con un + 25,3 % grazie soprattutto alla esplosione di vendite del Prosecco. 

Le DOP rappresentano i 2/3 dei vini italiani  esportati, in rialzo i vini comuni con + 8,9 % e IGP con + 5,4 . 

I migliori mercati per i nostri vini sono gli Usa con + 18,4 %, Germania e Regno ancora unito. Buoni risultati in Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Paesi Bassi, Svezia e Svizzera. 

Fuori dall’Europa ottimo balzo in Cina con 29,2 % e Corea del Sud addirittura con + 75,5 %. Per quanto riguarda le regioni 19 su 20 registrano una crescita rispetto al 2020 che aveva fatto segnare un – 2,2 %. 

Per 16 su 20 i risultati sono migliori rispetto ai due anni precedenti e per 15 il valore delle esportazioni 2021 è il più alto mai registrato finora. Le prime tre in assoluto sono Veneto con + 11,1 %, Piemonte con 12,2 % e Toscana con 16,4 %. 

Seguono Trentino Alto Adige che supera per la prima volta i 600 milioni di euro con + 8,6 % e l’Emilia Romagna con + 19,00 %. 

Incrementi importanti si evidenziano per Lombardia con + 11,8 % e Abruzzo che per la prima volta supera il valore di 200 milioni di euro. 

Buoni risultati in ordine per Friuli Venezia Giulia + 21,5 %, Sicilia + 16,8 % e Puglia + 8 %. Importanti i riscontri anche per Lazio, Umbria che si riporta ai valori del 2019 dopo il forte decremento del 2020 e Liguria. 

Sicuramente lo scorso anno ha visto superare tutti i record con un risultato che avrebbe impiegato cinque anni ad essere ottenuto comparato alla tendenza pre covid.

Adesso la situazione è assolutamente mutata a causa di fattori che fanno prevedere un difficile 2022. 

Gli aumenti spropositati di bollette, carburanti e materie prime riducono i margini di profitto per le aziende. La guerra in atto e il conseguente azzeramento dei mercati russi ed ucraini possono pesare sulle esportazioni. 

Gli acquisti di vini da parte di Russia e Ucraina rappresentano il 6 % sul complessivo per un controvalore di 400 milioni di euro. 

Le persone sono preoccupate e l’umore condiziona le spese e indirizza le scelte nell’acquisto di beni cosiddetti di prima necessità. 

L’inflazione incombe e tende a salire e la stagnazione dei salari possono far passare o quanto meno diminuire la tendenza alle spese di rivalsa e gli acquisti di prodotti considerati non strettamente necessari.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button