EgNewsStile e Società

Quando la Terra è Viva

Non da poco l’opera di custodire le pratiche tradizionali di coltivazione, di tramandare la cultura, la semplicità e la sapienza contadina in armonica fusione con le tecniche più moderne.

Tanta strada si deve ancora percorrere per valorizzare meritatamente una coltura antica come quella del Pomodorino del Piennolo del Vesuvio Dop, ma sempre più tenace è l’impegno delle aziende agricole vesuviane.

TerraViva a S.Anastasia, di Raffaele e Gianna Manfellotto, si trova alle falde del Monte Somma, ben 25 ettari di terreni vulcanici facenti parte del Parco Nazionale del Vesuvio, resi ancora più fertili dalle due sorgenti Olivella e Chiantanelle, un’azienda agricola impegnata principalmente alla coltivazione e alla trasformazione di pomodorini dell’ecotipo Principe Borghese.

DSC_0867Venduti freschi e in parte trasformati a “pacchetelle”, cioè tagliati a mano in due parti e conservati in vasi di vetro, senza aggiunta di conservanti, poiché la spiccata acidità li preserva naturalmente; pratica di conservazione contemplata nel disciplinare della Dop.

Ma la maggiore produzione di pomodorini TerraViva è destinata a divenire “piennolo”(pendolo), grosso grappolo di bacche mature e turgide di forma ovale con apice a punta, col “Pizzo”, che mani esperte hanno legato con cordicelle di canapa e poi appeso al soffitto di locali areati per la conservazione.

DSC_0861Il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio Dop, ha caratteristiche organolettiche uniche, conferite dai terreni di sabbie scure, ricchi di sostanze minerali; raccolti in estate sono consumati durante l’inverno, e nel napoletano sono utilizzarli in cucina durante le festività natalizie.

L’Azienda Agricola TerraViva riesce a garantire la naturale vivacità del gusto dei pomodorini, risultato di un metodo di coltivazione a basso impatto ambientale e dell’impegno di uomini e donne che tengono a esprimere la forza della propria terra.

Angela Merolla


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button