Punti di Vista

Quando i conti non tornano

Siamo il primo produttore europeo di nocciole, il secondo mondiale e, nonostante tutto, il 2013 è stato l’anno record delle importazioni dalla Turchia. Secondo Coldiretti un terzo del prodotto utilizzato in Italia nei dolci, nelle creme e nei gelati, risulta di importazione. Siamo sempre bravi a farci del male!

La sicurezza alimentare sarà sempre più il problema del terzo millennio e l’Unione europea dovrà dare risposte concrete ai suoi cittadini. E lo dico non per una sterile difesa del campanile, ma per non vanificare la rigida normativa dell’Unione a tutela dei consumatori europei.

 

Mi chiedo che senso ha stabilire criteri molto rigidi nelle produzioni agroalimentari, limitando l’uso di sostanze attive, se tali restrizioni non vengono applicate ai prodotti importati? L’elenco dei prodotti fitosanitari utilizzati nella produzione di nocciole in Turchia è composto per oltre la metà da sostanze vietate nell’Unione europea.

 

E noi che facciamo? Aumentiamo le importazioni di nocciole dalla Turchia, con buona pace per la salute dei consumatori di casa nostra, anche se siamo il primo produttore europeo, il secondo mondiale e possiamo vantare tre denominazioni di origine riconosciute dall’Unione europea, come la Nocciola del Piemonte Igp, la Nocciola di Giffoni Igp e la Nocciola Romana Dop.

 

Alla qualità di casa nostra, preferiamo i prezzi concorrenziali delle nocciole turche, senza alcuna garanzia per la salute. E l’Unione europea paradossalmente riduce i controlli sulle importazioni di tali prodotti. Occhio che non vede, cuore che non duole!

 

Credo sia arrivato il momento che i parlamentari europei smettano di riscaldare le loro poltrone a Bruxelles e intervengano per bloccare le importazioni di ortofrutticoli da Paesi non Ue che adottano norme di produzione scorrette.

 

Inoltre, sarebbe opportuno introdurre l’obbligo di informare il consumatore sull’origine delle nocciole utilizzate, anche nei prodotti trasformati. Altrimenti continueremo soltanto a farci del male!


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button