Stile e Società

Provette di vino o meglio vino in fialette

L’idea viene dalla Francia e gli ordinativi fioccano da tutti i continenti, si tratta di fialette sigillate in cui viene inserito vino o altro beveraggio.

Forse potremmo dire che l’idea assomiglia a quella che ha prodotto, sempre in Francia e negli Anni Venti, le bottigliette “mignon”, quei flaconcini di liquore che venivano regalati come campioni e si diffusero ovunque, anche in Italia, e spesso ci troviamo in casa, non ricordandoci più come ci sono arrivate. Roba da collezionismo che impediva al possessore di aprirle, a meno non fosse in forte astinenza.

Queste fialette sono altro, nascono pure loro come “campioncini” ma si trovano nei frigobar Drink in tube AUSTRALIAdelle camere dei più lussuosi hotel, e sono destinate soprattutto alla degustazione in enoteche e gastronomie esclusive.

È un’innovazione tecnologica, accolta con numerosi premi a livello internazionale.
La fialette sono flaconcini di vetro WIT® a base di materiali di altissima qualità, prodotti in Germania, fabbricati in canne di 5 metri, che il vetraio dell’azienda con sede a Bordeaux forma in bottigliette da 5, 6 o 10 cl. È un processo è complesso, richiede grande abilità ed è protetto da diversi brevetti.

Si sono affidati alle selezione del “Wine in tube” WIT® grandi nomi come Bordeaux, Armagnac, e altri clienti prestigiosi d’oltralpe, ormai sono oltre 70 i vini in catalogo, e un sempre maggior numero di location e di professionisti del settore (viticoltori, commercianti, distributori) desidera utilizzare queste fialette per confezionare la loro produzione e farla girare.

Le peculiari caratteristiche delle fialette cilindriche, dal fondo piatto, -wine-tubecosì stanno in piedi, è la capsula di chiusura in alluminio per la perfetta tenuta, vetro resistente, sotto atmosfera al 100% inerte, conservazione garantita delle qualità organolettiche del contenuto, serigrafie personalizzate per le etichette stampate sulla fiala.

Chissà se i nostri esperti enologi aziendali un giorno sostituiranno con fialette individuali le decine e decine di bottiglie che stappano ad ogni degustazione, con grande spreco di prezioso liquido, e i nobili sommelier si adatteranno a non versare bicchiere per bicchiere bensì a distribuire ad ogni degustatore flaconcini, alla cieca per di più.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Articoli correlati

Guarda anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio