Vini e Ristorazione

Parassiti veri, speculatori & furbetti

La querelle del finto Tignanello è ancora sospesa, non vi sono aggiornamenti recenti.

Parassiti dell’ottimo vino italiano sono i 5 messi agli arresti domiciliari e i 4 con obbligo di dimora dopo una operazione molto ben condotta dai carabinieri e dalla guardia di finanza.

I NAS del comando provinciale di Cuneo e i finanzieri del comando provinciale di Asti hanno sgominato l’ennesima banda di contraffattori e falsificatori.

Interessate le province di Asti, Cuneo, Genova, Milano, Pesaro – Urbino, Roma e Brindisi. Brindisi amaro per chi ha acquistato le bottiglie taroccate di Amarone e Ripasso della Volpolicella, Sassicaia, Sito Moresco e ancora Tignanello.

Le cantine colpite dalla truffa sono Antinori, Gaja, Masseto e Ornellaia.

La cantina Antinori era stata coinvolta recentemente nella querelle tra un cliente gabbato e il sito di commercio elettronico Tannico a causa di una bottiglia venduta palesemente contraffatta.

Gli indagati sono accusati di associazione a delinquere, riciclaggio, auto riciclaggio, contraffazione di pubblici sigilli e di indicazioni geografiche e denominazioni di origine.

Frode in commercio di bevande e utilizzo ed emissione di fatture false.

La banda si procurava stock di vino rosso di scarsa qualità e lo trasformava nei vini di grande qualità più richiesti dal mercato.

L’ indagine si è allargata alla extracomunitaria Confederazione elvetica e in particolare nel Canton Ticino dove nel 2016 è iniziata l’attività criminale.

Sono state 54.000 le bottiglie vendute in Svizzera in quell’anno con le quali era stato avviato il commercio che ha portato a realizzare un giro d’affari di circa 1 milione di euro sino al 2019.

Il bilancio dei sequestri effettuati complessivamente nel 2020 dai NAS, ICQRF, CNSA ammontano a decine di migliaia di bottiglie e di etichette contraffatte, 9000 contrassegni di stato di vini DOC e DOCG, 166.000 capsule con loghi e marchi di cantine.

Inoltre sono stati rinvenuti e distrutti oltre 200 chili di sostanze vietate in ambito enologico quali aromi, sciroppi, coloranti, mosti illegali e lieviti per un controvalore di quasi 300,000 mila euro.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button